domenica, 27 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Accordo Italia-Vaticano
Stop segreti per lo IOR
Pubblicato il 01-04-2015


IORUn’ultima firma, tra il Segretario per i Rapporti con gli Stati, Paul Richard Gallagher, e il Ministro dell’economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, ha messo la parola fine ai segreti della banca vaticana e così il piccolo Stato estero, denominato ‘Santa Sede’, potrà così uscire dalla black list dei paradisi fiscali così come avvenuto con altri importanti accordi bilaterali tra il nostro Governo e altri Stati esteri (l’ultimo importante prima del Vaticano è stato la Svizzera).

“L’Italia – sottolinea un comunicato del MEF – è il primo Paese con cui la Santa Sede sottoscrive un accordo che disciplina lo scambio di informazioni” che “riguarderà i periodi d’imposta a partire dal 1° gennaio 2009”.

Questo accordo permetterà anche ai titolari di depositi presso lo IOR di regolarizzare la loro posizione facendo emergere capitali fino a oggi nascosti al fisco italiano in base alla legge 186 del 2014. Il percorso che ha portato all’accordo è iniziato con la presidenza di Ernst von Freyberg, che ha avviato un cammino per rendere le strutture e i regolamenti della banca vaticana più trasparenti, chiarire e quando necessario,  per mettere definitivamente a pratiche illecite.
L’Istituto per le Opere di Religione (IOR), con la firma di oggi segna dunque una svolta significativa in una storia – è nato nel 1887 – costellata di scandali e operazioni finanziarie dai contorni assai ambigui che non di rado l’hanno affiancato a fatti e personaggi della criminalità italiana e internazionale. Tra i più recenti le torbide vicende di riciclaggio con i narcos del Nicaragua nell’operazione ‘Contras’, lo scandalo del banco Ambrosiano, i rapporti con la ‘banda della Magliana’.

L’accordo tra Italia e Vaticano sul fisco – ha commentato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, – “è un passo avanti importante”, che prosegue sulla strada della trasparenza fiscale e “rafforzerà il meccanismo della voluntary disclosure”.

L’accordo contiene anche norme sull’esenzione degli immobili della Santa Sede, che recepiscono quanto previsto dal Trattato del Laterano e inoltre riguarderà anche i dipendenti e i pensionati del Vaticano, che ricevono pensioni ed emolumenti presso lo IOR. 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento