mercoledì, 19 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ammortizzatori sociali
in deroga. Imminente
la firma del decreto
Pubblicato il 20-04-2015



ammortizzatori sociali in deroga
E’ di poche ore fa la notizia dell’ imminente firma del decreto interministeriale di riparto dei fondi relativi alla copertura degli ammortizzatori sociali 2014. A renderlo noto una nota dello stesso Ministero che chiarisce di aver inviato una copia del decreto di riparto, al coordinatore degli Assessori regionale, Simoncini, al fine di consentire eventuali osservazioni nel merito da far pervenire improrogabilmente entro il 21 aprile 2015. La firma definitiva del decreto dovrebbe esser questione di giorni e/o comunque entro la settimana corrente. “Esprimiamo soddisfazione” – fanno sapere dal C.L.A.S. Comitato Lavoratori Attivi Sardegna, da circa due anni impegnato in prima linea nella lotta per la difesa dei diritti dei lavoratori collocati in mobilità in deroga, che dal 2013 subiscono sulla propria pelle i ritardi nei pagamenti dovuti a conclamati ritardi da parte del Governo – “anche se crediamo che ora sia dovere dell’ Assessorato al lavoro attuare tutte quelle pressioni necessarie affinché alla firma del decreto segua la celerità dei pagamenti, si ovvi alla lentezza burocratica che mediamente si attesta in circa due mesi ogni volta che vengono firmati i decreti. Non si può far attendere ancora, dopo 16 mesi, 17 600 lavoratori e loro famiglie.
“Soddisfazione e attesa, dunque, anche di sapere se con la firma di questo decreto sarà possibile porre in pagamento tutti i mesi in arretrato che, lo ricordiamo, per circa il 40% dei lavoratori ammontano a sei mensilità, e per il restante 60% a otto mensilità, così come da decretazioni di concessione in linea con il decreto di riforma degli ammortizzatori sociali del primo agosto 2014 e da successiva circolare esplicativa n. 19 dell’11 settembre 2014 che vede uscire dal circuito degli ammortizzatori sociali, già dal 1° settembre scorso, circa 4 mila lavoratori oltre la terza proroga. Per loro doveva partire, già da dicembre 2014 il progetto Flexicurity che, sulla stessa linea del progetto Garanzia Giovani, dovrebbe consentire l’impiego in aziende per tirocini formativi mirati alla ricollocazione al lavoro. Da fonti dell’Assessorato il bando flexicurity dovrebbe esser pubblicato in settimana.
Antonella Soddu
Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento