venerdì, 20 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Automobili. La Fca
parlerà portoghese
Pubblicato il 29-04-2015


Il presidente del Brasile, Dilma Rousseff e Sergio Marchionne, ad di Fca

Il presidente del Brasile, Dilma Rousseff e Sergio Marchionne, ad di Fca

La Fiat-Chrysler Automobiles ha investito 2,2 miliardi di euro nello Stato di Pernambuco, a Goiana, in Brasile. Il nuovo stabilimento industriale Jeep sito nel nord-est del Paese ud americano darà lavoro a più di 9 mila persone. La cerimonia di apertura si è svolta ieri alla presenza della presidente della Repubblica brasiliana, Dilma Rousseff, del governatore del Pernambuco, Paulo Camara, e dei vertici di Fca, John Elkann e Sergio Marchionne.

Il comunicato ufficiale di Fca sottolinea che: “si tratta della prima fabbrica globale di Fca; la prima a essere progettata e costruita da un team interculturale che si è potuto avvalere, fin dal primo giorno, delle maggiori pratiche sviluppate dal gruppo in ognuna delle aree operative”. E la presidente Rousseff ha aggiunto: “consideriamo la Fiat un’azienda gialloverde”. Così la più nota e conosciuta casa automobilistica italiana al mondo si è delocalizzata anche in Sud America. Il nuovo complesso industriale impiegherà 3.300 addetti nella fabbrica Jeep, 4900 impiegati presso i fornitori e circa 850 persone nei servizi, tra cui marketing e comunicazione.

I lavori di costruzione, iniziati due anni e mezzo fa, sono terminati e l’impianto è già stato dotato di 700 robot (650 per le operazioni di lastratura, 40 per la verniciatura e 10 per il montaggio). La nuova fabbrica si estende su un’area di 260mila metri quadrati e ha una capacità produttiva di 250mila veicoli all’anno. In particolare, il fiore all’occhiello Fca in Brasile produrrà fino a tre modelli differenti, tra cui la nuova Jeep Renegade. Grande soddisfazione da parte dell’azienda torinese e della politica brasiliana. Infatti, gli operai e gli addetti ai lavoro saranno i cittadini brasiliani.

La Fca ha quindi recepito gli indirizzi economici dell’ultimo ventennio: delocalizzare e produrre all’estero, dove la manodopera è a buon mercato e i profitti per i manager sono più cospicui. Il Brasile occupa la 79a posizione nella classifica mondiale dell’Indice di Sviluppo Umano, cioè l’incremento dei tassi di aspettativa di vita, istruzione e reddito nazionale pro-capite. Esso è uno strumento per quantificare gli standard di benessere di un paese. Chi comprerà veicoli con il marchio Fca-Jeep deve sapere che sta acquistando un mezzo prodotto da lavoratori con il basso indice di protezione, previdenza e assistenza sociale al mondo. Lo stipendio medio di un operaio addetto al montaggio in Brasile è di 2.313 réal, pari cioè a circa 700 euro. L’orario di lavoro varia dalle 8 alle 11 ore giornaliere, e la legislazione sugli infortuni sul lavoro è antiquata. Marchionne e la Fca hanno proprio riscoperto l’America.

Manuele Franzoso

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento