venerdì, 21 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bersanicum
Pubblicato il 16-04-2015


Chi dice che Bersani non può vincere perché riporterebbe il Pd al 25 per cento non ha tutti i torti. Se naturalmente è militante ed elettore del Pd. Ma anche un militante ed elettore del Pd, in grado di ragionare su questa legge elettorale, oltre a preoccuparsi del Monopoli e del Libro della giungla, non può non vederne i difetti. Prima l’interesse della democrazia, poi quello di partito, no? Si dice che è meglio questa legge che nulla. Un momento. Adesso non c’è il nulla. C’è una legge elettorale frutto dell’intervento della Consulta e non è vero che non siano mai state approvate riforme alle leggi elettorali in Italia. La verità è che semmai ne sono state approvate troppe.

Ne abbiamo sfornate sei nel giro di poco più di vent’anni. Una per l’elezione dei sindaci e dei consigli comunali, nonché dei presidenti di provincia e dei consigli provinciali, a cui ha fatto seguito per analogia quella dei presidenti e dei consigli regionali. Un’altra per il Parlamento, il Mattarellum, nel 1993, con doppio voto, uno per le liste con sbarramento al quattro per cento, l’altro per le coalizioni nei collegi uninominali. Poi nel 2006 il cosiddetto Porcellum, con apparentamenti e sbarramenti al 2 per cento per le liste coalizzte e al quattro per quelle singole. Il Senato è rimasto sempre su base regionale perché così prevede la Costituzione che finora non era mai stata mutata sulle disposizioni dell’articolo pertinente. Poi è arrivata la nuova legge per le elezioni europee con improvviso sbarramento al 4 per cento.

Contemporaneamente ogni regione si è data una sua legge elettorale, ognuna diversa dall’altra, con sbarramenti, listini poi abrogati, premi di maggioranza. La verità è che in Italia ci sono troppe leggi elettorali. Cioè è vero il contrario di quel che si dice. Prendiamo le preferenze. Ci sono nei comuni, nelle regioni, alle europee. Perché fanno male solo alle politiche dove produrrebbero corruzione? Mistero. Oggi si propone una legge, l’ennesima, che non solo non è in linea con le altre italiane, ma non è in linea con nessuna legge di nessun paese. Non a caso si chiama Italicum. Cosa risolverebbe? Si dice che la sera delle elezioni ci sarebbe un vincitore.

Si dice proprio un vincitore, non una lista vincente, scambiando l’elezione del Parlamento con l’elezione del presidente. Se noi vogliamo introdurre una regola in base alla quale si elegge il vincitore, cioè il presidente, dobbiamo inserire in Costituzione il presidenzialismo. Se invece restiamo al parlamentarismo, non è detto che ci debba essere un vincitore. L’elettorato non ha tra i suoi obblighi quello di fare vincere, non è un allenatore di calcio, e le elezioni non sono il campionato. L’elettorato deve scegliere una lista elettorale e dei candidati. Invece qui si introduce il principio in base al quale l’elettorato deve scegliere un vincitore che non c’è (tanto da introdurre il doppio turno che si addice solo per i sindaci o per i presidenti, ma mai per le liste) e non può scegliere i suoi candidati, se non una parte, che invece ci sono. Bersani non ha tutti i torti. Magari farà tornare il suo partito al 25 per cento. Penso però che se andiamo avanti così il 25 per cento potrebbe anche essere la percentuale che voterà alle prossime regionali.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sono d’accordo totalmente con Lei direttore e credo che che i parlamentari del PSI dovrebbero votare contro alla proposta invece non credo sarà così. Questo significa, se capisco bene, che alle prossime elezioni politiche il PSI non ci sarà più in quanto hanno deciso di annullarsi dentro il PD di Renzi mandando a quel paese centotrenta anni di storia. Veramente un bel risultato !

  2. da vecchio riformista ex PCI ho polemizzato alcune volte con te direttore ma non sulla legge elettorale. Sono totalmente d’accordo.
    Nel 2008 avevo fatto splitting (PD al Senato e PSI alla Camera) perché resto dell’idea che in Italia serve finalmente un grande partito socialista, con le sue varie anime. E ovviamente non avevo mai aderito al minestrone veltroniano. Puoi immaginarti cosa penso del PD targato Renzi: una DC 2.0 condita di berlusconismo e tardo thatcherismo.
    P.S. Per me le proposte restano la bozza Chiti (dimezzare i parlamentari, senato elettivo senza fiducia né budget) e doppio turno alla francese. Tra i pasdaran renziani c’è chi cerca conforto nell’Ulivo 2006 , ma allora non si parlava certo di senaticchio dopolavoristico unito ad una bruttura come Italicum 2 (peggio della legge truffa del 1953). Per non parlare dell’art.18, della guerra ai corpi sociali intermedi e dell’inciucio del nazareno. Il problema è che la ex sinistra PD doveva fare la scissione il 19 gennaio 2014 e invece ha ha sbracato..A proposito, che fa la delegazione PSI al governo?

  3. Propongo una raccolta di firme per chiedere a Nencini ed a tutti i parlamentari di non votare l’Italicum. Capisco le nostre simpatie per i Radicali, ma l’eutanasia non era esattamente la prospettiva che molti di noi si aspettavano quando si sono iscritti al PSI.

  4. Gli italiani nei referendum si espressero chiaramente per l’uninominale, ma poi il Parlamento, DC e PSI in testa, imbastardì la legge elettorale reintroducendo (contro la volontà degli elettori) un 25% di proporzionale + l’aberrante scorporo (sotterfugio per aumentare l’effetto proporzionale) allo scopo di mantenere in vita la partitocrazia. Il sistema ideale, secondo la maggior parte degli scienziati della politica (da Duverger a Sartori), è l’uninominale a doppio turno alla francese, che era il sistema vigente in Italia nel glorioso periodo risorgimentale fino a quello giolittiano. Poi nel 1919 fu introdotto il proporzionale, che favorisce i partiti minori e quelli più estremisti, e come conseguenza i fascisti e i comunisti entrarono in Parlamento, e non ci fu più una maggioranza in grado di governare; risultato: il fascismo! Se si dimentica la governabilità il risultato è sempre il disastro… L’Italicum è un buon compromesso, con collegi piccoli che consentono agli elettori di sapere chi eleggono, e con il ballottaggio che garantisce la governabilità…

Lascia un commento