sabato, 21 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Caso Aldrovandi. Giovanardi verso il processo
Pubblicato il 01-04-2015


Aldrovandi-GiovanardiA pochi giorni dalla decisione della Corte dei Conti dell’Emilia-Romagna che ha condannato i quattro agenti responsabili della morte di Federico Aldrovandi (il 18enne brutalmente ucciso all’alba del 25 settembre 2005, nei pressi dell’ippodromo a Ferrara durante un controllo della polizia, ndr) a risarcire il ministero dell’Interno – che pagò i danni alla famiglia – arriva il via libera a procedere contro il senatore Ndc-Ap, Carlo Giovanardi da parte della Giunta per le immunità parlamentari del Senato. La decisione dovrà poi essere confermata dall’Aula di Palazzo Madama.

LA DECISIONE DELLA GIUNTA – La Giunta per le Immunità del Senato ha espresso parere favorevole – con i ‘sì’ di Pd e M5s – a procedere nei confronti del senatore Ncd-Ap, Carlo Giovanardi, come chiesto dai giudici di Ferrara. Per il parlamentare si fa sempre più concreta quindi l’ipotesi di rispondere in un processo del reato di diffamazione aggravata per alcune dichiarazioni rilasciate nel 2013 a un programma radiofonico sul caso di Federico Aldrovandi.

L’EPISODIO INCRIMINATO – “Ma quale sangue, è un cuscino” ebbe a dire il senatore del Nuovo Centro Destra-Area Popolare, riferendosi a una fotografia del giovane ucciso nel 2005, per la cui morte sono stati condannati in via definitiva a tre anni e sei mesi (con l’indulto pena ridotta a sei mesi) quattro agenti di polizia. L’immagine, scattata all’obitorio era stata mostrata dalla madre, Patrizia Moretti, dopo che un sindacato di polizia, sotto le finestre del Comune di Ferrara – dove lavora la donna – aveva espresso solidarietà agli agenti condannati.

BOLOGNESI (PD): BUONA NOTIZIA – “È una buona notizia che il Parlamento non abbia posto ostacoli al lavoro dei magistrati in merito alle accuse di diffamazione aggravata per alcune dichiarazioni fatti dal senatore nel 2013 sul caso Aldrovandi, una tragedia sulla quale il senatore ha spesso usato toni inaccettabili ed offensivi” ha commentato in una nota Paolo Bolognesi, deputato Pd e presidente dell’Associazione vittime della strage di Bologna.

Siria Garneri

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento