martedì, 20 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Confindustria vede positivo: Pil +0,2%
Pubblicato il 22-04-2015


Confindustria-PIL-rialzoIl Pil crescerà dello 0,2% congiunturale nel I trimestre ma è previsto che tale ritmo acceleri in primavera. E’ la stima di Confindustria, in Congiuntura Flash. Per gli esperti di viale dell’Astronomia, il Pil salirà rispettivamente dello 0,5% nel 2015 e dell’1,1% nel 2016. Anche la produzione industriale è stimata in aumento, +0,1% congiunturale a marzo dopo lo 0,6% a febbraio. Ciò porta a +0,2% la variazione nel I trimestre e al +0,3% in trascinamento nel II trimestre. In Congiuntura Flash, il Centro Studi di Confindustria spiega che “le potenti spinte esterne hanno innescato la ripresa italiana. La bilancia degli indicatori congiunturali pende senza dubbio dal lato della risalita del PIL. Il punto interrogativo – sottolinea Congiuntura Flash – rimane sulla velocità, che ordini, aspettative e indici anticipatori segnalano in accelerazione dalla primavera”.

Il Centro Studi di Confindustria ricorda che “le nuove previsioni rilasciate da vari istituti sono riviste verso l’alto; i valori rimangono opportunamente prudenti perché si tiene conto del fatto che l’Italia soffriva di lenta crescita prima della crisi. La stessa crisi ha azionato freni straordinari: alta disoccupazione, credit crunch, ampia capacità inutilizzata, settore immobiliare fragile, margini di profitto ai minimi e risparmio da ricostituire intralciano la ripartenza della domanda interna e delle attività produttive. Per ciascuno di essi, tuttavia, arrivano rassicuranti segnali di allentamento della morsa”.

In questo scenario, “con il Def il Governo attenua correttamente l’impostazione restrittiva della politica di bilancio; sul fronte degli investimenti pubblici si dovrebbero utilizzare appieno i fondi europei e i margini di flessibilità per il loro cofinanziamento. Imperativo, sia per avere spazi di manovra nei conti pubblici sia per innalzare il potenziale del Paese, è tenere la barra dritta sulle riforme. Che sono la benzina per alimentare la fiducia dei partner e dei mercati finanziari, di nuovo in allerta per il rischioso stallo nelle trattative sulla Grecia.

Il contesto globale rimane favorevole: in Usa clima, scioperi portuali, ricadute dell’arresto del boom nel settore petrolifero e dollaro forte hanno rallentato la crescita, che è attesa riprendere vigore; la Cina è in atterraggio pilotato, ma continuerà a essere un potente motore di sviluppo mondiale; l’Eurozona, con il peso maggiore sull’export italiano, è in progressivo miglioramento; le condizioni di Brasile e Russia sono difficili ma non si aggravano. I tassi di interesse resteranno bassi a lungo, in calo quelli di mercato, grazie alla Bce”.

Redazione Avanti!

Angela Merkel Angelino Alfano bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento