mercoledì, 18 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Crisi e disoccupazione, rimedi e paura del futuro
Pubblicato il 24-04-2015


Crisi-disoccupazioneContinuano a emergere dati preoccupanti sulla disoccupazione e sulla crisi che attaglia il nostro Paese, ma insieme a questi vengono a galla nuovi “modi e rimedi” che gli italiani attuano per cercare di fronteggiare la mancanza di un posto di lavoro o i conti sempre più in rosso.

Tra i dati più allarmanti quelli che riguardano il gioco d’azzardo, in un rapporto realizzato dal Centro Italiano di Solidarietà di Don Mario Picchi, risulta come sia aumentata e cambiata la fascia d’età che coinvolge i giocatori compulsivi. Dal 2014 ad oggi è in forte crescita la richiesta d’aiuto da parte di giovani, mentre nel 2011 le richieste provenivano principalmente da persone che appartenevano ad una fascia d’età che superava i 60 anni e da una classe medio alta. Il gioco d’azzardo spopola poi soprattutto tra i giovani disoccupati, circa il 25% dell’utenza che è stata seguita dai progetti del Ceis. Ma ciò che stupisce è che nonostante la crisi e la disoccupazione, gli italiani, oggi, come in passato, non rinunciano alla speranza e ricorrono a maghi, sensitivi e cartomanti.

Con la crisi aumenta anche la paura del futuro, nei primi sei mesi del 2013, il fatturato (presunto) dell’occulto, qui inteso come non solo il settore della cartomanzia, nel quale lavorano maghi, cartomanti, fattucchieri, cui vanno aggiunti spiritisti, sensitivi, rabdomanti, è aumentato del 18,5 per cento, passando da 7,5 miliardi a 8,3 miliardi. Dai dati risulta quindi che oltre il 20% degli italiani si è rivolto almeno una volta in un anno ad un ‘mago’, grazie anche alle possibilità che vengono offerte oggi dai fornitori di numeri 899, la numerazione telefonica a pagamento, e dal web che ti dà la possibilità di consultare tarocchi e cartomanti senza muoverti da casa.

Il gentil sesso interroga i maghi per conoscere il futuro in relazione alla vita affettiva, sentimentale e alla salute. Gli uomini concentrano la loro domanda su lavoro e denaro. Ma negli ultimi tempi il lavoro rappresenta l’interrogativo principale anche tra le donne, tanto che secondo una ricerca del Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale (Cicap) sempre più spesso l’argomento sul quale si cerca conferma riguarda il tema del lavoro.

Lorenzo Mattei
Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento