giovedì, 13 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dichiarazione di voto di Lello Di Gioia all’Italicum sulla questione di fiducia
Pubblicato il 30-04-2015


Noi riteniamo che sia stato inopportuno porre la fiducia su questo provvedimento, perché pensiamo che sarebbe stato più giusto discuterlo liberamente e democraticamente in quest’Aula, anche perché c’era la possibilità di migliorarne la sua complessità. Si poteva migliorare, per esempio, in ordine alla questione dei capilista bloccati. Si poteva migliorare sicuramente il problema del premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione. Si poteva migliorare sicuramente la questione del genere.

Si poteva, in buona sostanza, costruire, all’interno di questo Parlamento, una legge elettorale di tutti, che, quindi, desse la possibilità di poter discuterne e di poterla migliorare. Questo non è accaduto.

Pur tuttavia, noi riteniamo di poter e di dover votare la fiducia per il semplice motivo che il Paese ha bisogno di riforme, ha bisogno di riforme incisive, che diano la possibilità di riagganciare la ripresa. I dati economici e soprattutto i dati della disoccupazione giovanile ci fanno pensare che, più che mai, oggi vi sia bisogno di riforme per fare in modo di poter dare una speranza, soprattutto a quei giovani che vedono con grande difficoltà il proprio futuro e il proprio ingresso nel mondo del lavoro.
Ecco, io credo che noi socialisti, proprio in virtù di quelle che sono le riforme che bisogna attuare, daremo il voto di fiducia a questo Governo.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento