venerdì, 20 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Expo. Tensioni a Milano per l’inaugurazione
Pubblicato il 30-04-2015


No expo-manifestazioneÈ partito il conto alla rovescia per l’Esposizione Universale che l’Italia ospiterà a partire da domani e già sono arrivati i primi tafferugli dopo la manifestazione studentesca di oggi “No Expo”. In mezzo al corteo, partito stamane alle 10 da piazza Cairoli a Milano, si sono infiltrati i black bloc portando all’intervento della polizia. In viale Majno, davanti alla sede Manpower, la celere è intervenuta contro il lancio delle uova, fumogeni e pietre verso le vetrine dell’Agenzia di lavoro.

Dopo la carica c’è stata una lite con colluttazione nel corteo tra i ragazzi incappucciati (i famigerati black block) e gli studenti dei collettivi che avevano organizzato la manifestazione. Ma la situazione sembrava già sfuggita quando un gruppo di manifestanti è riuscito a salire su una delle torri di Expo Gate, le strutture in ferro e vetro di fronte a Piazza Castello, e ha issato uno striscione anti Expo: “Grande evento uguale grande bufala. No Expo: un altro mondo è possibile”. Dopo una marcia di tre ore, il corteo è arrivato in viale Melchiorre Gioia, termine del percorso stabilito. In testa, lo striscione “la nostra generazione rifiuta expo e il suo modello”, per fortuna il corteo si è concluso senza particolari incidenti, ma si teme ora per l’inaugurazione di domani. Nella giornata del primo maggio infatti è prevista un’altra manifestazione di protesta all’Expo in concomitanza dell’inaugurazione di un’esposizione contesa e strappata dall’Italia nel 2008.

Paura e tensione quindi per domani, quando all’inaugurazione per l’Expo arriveranno rappresentati di governo, delle Istituzioni, le massime cariche dello Stato e i principali esponenti dell’imprenditoria e dell’associazionismo italiano. Inoltre saranno presenti le rappresentanze dei Paesi partecipanti a Expo, tra i quali una ventina di capi di Stato e di Governo. A preoccupare maggiormente i responsabili della sicurezza è l’arrivo per il corteo di domani di anarchici e casseur da tutta europa, molti dei quali già presenti a Milano.

La Digos intanto continua con perquisizioni per prevenire azioni di protesta, oggi gli agenti in tenuta antisommossa sono intervenuti per perquisire tre obiettivi, tutti in zona Mac Mahon tra cui un appartamento e un centro sociale, il Mandragola che è stato passato al setaccio.

Intanto i tre tedeschi fermati ieri (per la seconda volta) per possesso di armi improprie e occupazione abusiva, saranno rimpatriati su un volo di linea, i giudici del Tribunale civile hanno deciso di convalidare il provvedimento urgente di espulsione emesso dalla questura.

Liberato Ricciardi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento