sabato, 24 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Eyes Wide Shut”.
La novella traumatica per
la prima volta a teatro
Pubblicato il 09-04-2015


Doppio Sogno al Teatro Quirino

I protagonisti dello spettacolo “Doppio Sogno” in scena al Teatro Quirino di Roma

“Eyes Wide Shut” è il titolo dell’ultimo film di Stanley Kubrick, realizzato nel 1999, con indimenticati protagonisti Tom Cruise e Nicole Kidman. Il grande regista e sceneggiatore anglosassone si era però ispirato ad un racconto scritto nel 1925 dal drammaturgo austriaco Arthur Schnitzler ed intitolato Traumnovelle, ovvero la Novella del Sogno. A questa novella traumatica si ispira anche l’opera teatrale “Doppio Sogno”, attualmente in scena al Quirino di Roma. La vicenda narra della crisi di coppia che colpisce due giovani borghesi della Vienna degli anni Venti. Il medico Daniel Fridolin, al ritorno da una festa mascherata a cui ha preso parte con la moglie Nicole, riceve da questa la più imprevedibile delle confessioni: “Ti ricordi, l’estate scorsa, sulla spiaggia danese, quel giovane uomo? Se mi avesse chiamata, non avrei potuto oppormi. Ero pronta a sacrificare te, la nostra bambina, tutto il mio futuro”.

L’intima confidenza di un tradimento solo fantasticato sconvolge il medico, che però non ha modo di discuterne con Nicole perché deve assentarsi da casa avendo ricevuto una inattesa chiamata notturna da un importante paziente. Giunto a casa di costui, trova però il paziente già defunto. Ma qui rivede Naktigal, suo vecchio amico e compagno di studi che gli confessa che il suo rispettabile paziente era in realtà il capo di una sanguinaria e potente setta, e che lo aveva ingaggiato per suonare la Pavana di Ravel durante riti mascherati in cui prima venivano sacrificati bambini rapiti e poi i convenuti si abbandonavano a sfrenate orge.

Ma l’amico ritrovato è davvero un musicista?  Ed i sanguinosi riti di cui egli narra esistono davvero o sono solo i fantasmi, i rimorsi del passato e le paure represse nell’inconscio di Daniel? Sogno e realtà si confondono in un’ossessione che dura una interminabile notte e, dopo aver viaggiato negli inferi della mente e della carne, sulla soglia dell’alba i due coniugi si ritrovano soli, smarriti, ma innamorati più di prima.doppio sogno

Ad interpretare questo non facile testo riconosciamo Ruben Rigillo e Caterina Murino rispettivamente nei panni del medico Daniel e di sua moglie Nicole, nonché Ivana Monti nei panni della suocera e Rosario Coppolino che impersona Naktigal. Ma la produzione non si è risparmiata ed il cast è arricchito da numerosi altri attori ed attrici, i quali presentandosi sulla scena a volte in maschera ed a volte no, contribuiscono ad indurre lo spettatore in uno stato di confusione, funzionale a ricreare nel pubblico le ansie e lo stato psicologico vissuto dai personaggi sulla scena. A questo stato contribuisce anche una rappresentazione con scene che si susseguono in una sequenza temporale non lineare, che tiene alta la soglia di attenzione e la suspense.

Così solo verso la fine dello spettacolo lo spettatore riesce a ricomporre i diversi elementi del puzzle. Le musiche fanno da sottofondo ai numerosi cambi scenici, che facilitano una narrazione efficace e piena di ritmo. Come riferisce il regista Giancarlo Marinelli, “Doppio Sogno” è una storia in cui vi sono tante storie, dove la verità è tante verità; e dove l’amore, la morte, il senso di colpa, il peccato e il riscatto, affiorano prepotentemente tutti insieme. Un’opera da cui emergono numerosi messaggi, davvero emozionante, che suggeriamo di non perdere. Al Quirino di Roma fino al 19 aprile, dove peraltro sarà anche possibile usufruire dell’installazione “Il castello degli specchi” allestita per l’occasione nel foyer del teatro.

Al. Sia.

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento