sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Francia. Dopo la vittoria in arrivo guai per Sarkozy
Pubblicato il 01-04-2015


Nicolas-SarkozyI festeggiamenti per la vittoria alle elezioni amministrative in Francia sono durati poche ore: Nicolas Sarkozy – leader dell’Ump e di nuovo in campo – è stato infatti ascoltato dalla polizia finanziaria nell’àmbito dell’indagine sul suo partito su sospetti illeciti nella campagna elettorale del 2012. Poco dopo l’inizio dell’interrogatorio dell’ex presidente della Francia, tre suoi ex consiglieri si trovano in stato di fermo. Si tratta di Guillaume Lambert, all’epoca direttore della campagna elettorale di Sarkozy nelle presidenziali del 2012 (ora prefetto della Lozere), Philippe Briand, oggi deputato ed ex tesoriere dell’Ump e l’avvocato del partito stesso, Philippe Blanchetier.

IL PRESUNTO SISTEMA DI FATTURE FALSE – Il caso Bygmalion – per il quale Sarkozy è stato sentito in qualità di “testimone assistito” (che gli concede la facoltà di avere un avvocato, ndr) – concerne un sistema di false fatture che secondo gli inquirenti avrebbe consentito, durante la campagna elettorale del 2012 di pagare con le casse del partito Ump circa 18,5 milioni di euro di spese dell’allora candidato all’Eliseo, Sarkozy appunto. Secondo l’accusa la frode era finalizzata a impedire che le spese di campagna superassero il tetto imposto per legge di 22,5 milioni, obiettivo peraltro fallito. A tal fine, la filiale della società Bygmalion, Event and Cie emise false fatture nei confronti del partito guidato da Sarkozy per eventi mai organizzati. Contestualmente, la spesa dei comizi e degli eventi della campagna elettorale di Sarkozy sarebbe stata ridotta in modo fittizio. L’ex presidente della Francia ha sempre smentito di essere stato a conoscenza di questo presunto sistema. Nel frattempo gli inquirenti hanno già messo sotto inchiesta sette persone: quattro ex dirigenti della società Bygmalion e tre ex funzionari del partito, fra cui Eric Cesari, ex direttore generale e stretto collaboratore di Sarkozy.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento