giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sì della Camera, il divorzio breve è legge
Pubblicato il 23-04-2015


Divorzio breveLa discussione è stata lunga – essendo iniziata lo scorso maggio – ma il divorzio sarà breve. Passa alla Camera, in terza lettura, il disegno di legge n.1504 sul divorzio breve che – se tutto andrà bene – potrebbe trasformarsi in legge entro l’estate. Soddisfazione è stata espressa dalla deputata socialista, Pia Locatelli che ha parlato di “vittoria per il Paese che cancella una situazione anacronistica, e risponde alle aspettative dei cittadini. Ora si proceda su altri diritti civili”. Il segretario del Psi, Riccardo Nencini ha reso noto di voler dedicare la vittoria a Loris Fortuna. “Ci siamo battuti da anni perché il divorzio breve diventasse legge. È una norma di civiltà”.

IL PLACET DEFINITIVO DELLA CAMERA – I deputati oggi pomeriggio hanno approvato il testosenza modifiche  che elimina i tre anni di separazione necessari per avanzare la domanda di divorzio, indipendentemente dalla presenza o meno di figli: basteranno infatti dodici mesi in caso di giudiziale, e sei mesi se la decisione è condivisa. Per quanto concerne la comunione legale, la comunione dei beni si scioglie quando il giudice autorizza i coniugi a vivere separati o al momento della sottoscrizione della separazione consensuale. Durante il precedente passaggio al Senato – dopo un lungo dibattito (durato più di 7 ore) – è stata stralciata una parte del testo, quella sul cosiddetto divorzio ‘diretto’ o immediato (senza passare per la fase della separazione nei casi di assenza di figli o non indipendenti, ndr).

LOCATELLI (PSI): VITTORIA PER IL PAESE, ORA AVANTI SU ALTRI DIRITTI CIVILI – “L’approvazione definitiva della legge sul divorzio breve rappresenta un passo importante che cancella una situazione anacronistica e risponde alle aspettative dei cittadini. È una vittoria dei socialisti che in prima lettura alla Camera hanno proposto l’emendamento che riduce a sei mesi i tempi per ottenere il divorzio consensuale, ed è una vittoria per il Paese”. Lo ha dichiarato Pia Locatelli, presidente onoraria dell’Internazionale socialista donne e deputata del Psi, intervenendo alla Camera per la dichiarazione di voto sul provvedimento. “Certo si poteva fare di più e di meglio – ha aggiunto la parlamentare socialista – soprattutto per quanto riguarda lo stralcio da parte del Senato dell’emendamento che avrebbe consentito, in assenza di figli minori o “non indipendenti”, la dissoluzione rapida del matrimonio senza passare per la separazione. Ma il meglio spesso è nemico del bene. Ci auguriamo adesso che questo provvedimento faccia da apripista per le altre leggi sui diritti civili, dalla legge sulle coppie di fatto, omo e etero, a quella per il fine vita, sulle quali siamo ancora in spaventoso ritardo”.

PISANI (PSI): CONTRO TUTELA SACRA MORALITÀ, A SOSTEGNO DELLA LIBERTÀ  “Ci sono voluti quarant’anni, quarant’anni di veti incrociati e di contrapposizioni ideologiche. Oggi il divorzio breve è legge, un provvedimento concreto, la semplificazione di un percorso ancora troppo tortuoso, una scelta contro la tutela della sacra moralità, a sostegno della libertà. Le obiezioni sono sempre le stesse ma non possiamo ancora ascoltare chi si si oppone ai cambiamenti. Nulla è obbligatoriamente per sempre, e le norme non sono precetti etici e neppure religiosi”. Lo ha detto in una nota la portavoce del Psi, Maria Pisani.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento