giovedì, 22 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Immigrati dall’Europa un mezzo passo avanti
Pubblicato il 24-04-2015


Immigrazione-vertice UELa solidarietà internazionale sembra prendere corpo. Sono stati triplicati i fondi per la missione Triton, equivalenti adesso a quanto spendeva l’Italia per la missione Mare Nostrum, circa 9 milioni al mese (ma le navi opereranno solo nelle di confine europeo) e la Francia porterà poi al Consiglio di Sicurezza dell’ONU la richiesta europea di intervenire militarmente per bloccare gli scafisti. Non è tanto, ma neppure niente. Inoltre dal tavolo dei 28 capi di Stato – riuniti a Bruxelles per il vertice straordinario sull’emergenza immigrazione –  la bozza delle conclusioni articolata in tredici punti per affrontare i flussi di migranti che cercano di raggiungere l’Europa è stata esaminata e approvata. Si tratta di una sorta di traduzione del decalogo presentato dal commissario per l’Immigrazione, Dimitris Avramopoulos e approvato al vertice congiunto di ministri degli Esteri e dell’Interno dell’Unione europea a Lussemburgo dello scorso 20 aprile, a poche ore dall’ecatombe nel canale di Sicilia, ove hanno perso la vita tra gli 800 e i 900 migranti.

Restano differenze profonde perché non è passata l’idea di accogliere i profughi per quote da dividere tra i 28. La Gran Bretagna, ad esempio, per bocca del premier David Cameron ha promesso una nave e tre elicotteri, ma non vuole neppure un immigrato sulla sua isola. La Merkel ha fatto notare che fino a oggi la Germania, insieme alla Francia e alla Svezia, accolgono oggi il 75% degli immigrati.  Il presidente Hollande, ha promesso un maggior impegno francese per accrescere la propria quota di accoglimenti. Ci sono insomma Paesi più solidali di altri e si conferma così la storica distanza tra la Gran Bretagna e il resto dell’Europa continentale.

L’incontro tra i leader dei 28 Paesi Ue è stato preceduto da un mini-summit a quattro tra Matteo Renzi, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente francese, Francois Hollande e il premier britannico, David Cameron.

ONU: ROBUSTA OPERAZIONE DI SOCCORSO – A poche ore dall’inizio del vertice è intervenuta l’Onu, invitando l’Europa a mettere “al primo posto la vita umana, i diritti e la dignità allorché sono chiamati oggi a trovare un accordo sulla risposta alla crisi umanitaria nel Mediterraneo. Le Nazioni unite hanno inoltre auspicato “una robusta operazione di soccorso guidata dagli Stati, proattiva e adeguatamente finanziata”, la “creazione di adeguati canali di migrazione sicura e regolare”, e l’impegno ad “accogliere un numero sensibilmente più alto di rifugiati”.

CAMERON: DA NOI MEZZI, MA NON MIGRANTI – Il premier britannico, David Cameron ha proposto la linea dura, promettendo risorse e mezzi, ma senza l’intenzione di accogliere altri immigrati. “La Gran Bretagna offre uno dei pezzi forti della Royal Navy, la nave portaelicotteri Bulwark, tre elicotteri e due pattugliatori”, ma a condizione “che le persone salvate saranno portate nel Paese sicuro più vicino, probabilmente in Italia, e che non chiederanno asilo nel Regno Unito”.

L’APPOGGIO DI BELGIO E NORVEGIA – Il Belgio ha reso noto che metterà a disposizione la nave militare ‘Godetia’, spinge per il raddoppio – da 5000 a 10000 – dei rifugiati da ridistribuire ed è pronto ad accogliere 250 migranti in più.  La Norvegia – che non fa parte dell’Ue – ma dell’area Schengen, manderà quanto prima una sua unità navale nel Mediterraneo per partecipare all’operazione ‘Triton’.

RENZI: L’EUROPA HA UNA STRATEGIA
Il Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, che aveva voluto il vertice straordinario di oggi, in conferenza stampa a Bruxelles, l’ha definito come “un vertice significativo, un grande passo avanti per l’Europa”. Per Renzi “il rischio insabbiamento c’è, ahimè, in tutti i documenti Ue” ma “oggi per la prima volta c’è una strategia”.

Siria Garneri 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento