sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Immigrati, Renzi cerca il sostegno dell’ONU
Pubblicato il 27-04-2015


Immigrati-Onu-UEIl segretario generale dell’Onu, Ban ki-moon, è pronto a dare il massimo impegno per la soluzione del dramma dell’immigrazione, ma incontrando oggi il presidente del consiglio italiano, Matteo Renzi e l’Alto rappresentante Ue Mogherini, ha sottolineato che la priorità non è il blocco dell’immigrazione nei Paesi di origine o il contrasto armato al fenomeno degli ‘scafisti’ quanto piuttosto che “le autorità devono focalizzarsi sul salvataggio delle loro vite”.

Dopo il vertice straordinario europeo a Bruxelles giovedì scorso, oggi l’incontro che i è tenuto sulla nave San Giusto, nel Canale di Sicilia, per fare il punto della situazione e verificare le prospettive di un sostegno internazionale alle possibili soluzioni del problema.

“Fermare i trafficanti di esseri umani – riporta l’Ansa – per evitare una catastrofe umanitaria è un’assoluta priorità su cui contiamo di avere il sostegno delle Nazioni Unite”. Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, rientrando dalla visita alla nave S. Giusto con il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon. “Prima l’Italia era sola a fronteggiare il tema dell’immigrazione nel Mediterraneo: ora l’intera comunità internazionale è consapevole che si tratta di un problema globale e non di una questione che riguarda un Paese”: così il premier. La presenza di Ban Ki-Moon e Federica Mogherini, rappresentanti dell’Onu e dell’Ue, “oggi è un segno importante” ha sottolineato.

Sull’onda dell’indignazione per l’ultima tragedia del mare l’Italia continua a pressare per un maggiore coinvolgimento degli organismi internazionali nella crisi del Paese nordafricano. Ban ha comunque messo subito un punto fermo alla vigilia della visita: “non esiste una soluzione militare alla tragedia umana che sta avvenendo nel Mediterraneo”.

“Voglio – aveva annunciato Renzi – fargli vedere fisicamente e plasticamente che cosa sta facendo l’Italia”. I mezzi italiani, insieme a quelli di Triton ed ai mercantili privati stanno affrontando l’emergenza partenze dalla Libia che ha già portato a superare la quota di 25 mila persone sbarcate quest’anno. Dal vertice Ue Roma ha ottenuto il triplicamento dei fondi per le operazioni Frontex ed un mandato esplorativo alla Mogherini ad una missione europea per identificare e distruggere i barconi prima che siano usati dai trafficanti.

Proprio quest’ultimo è uno dei punti più delicati in ballo e sul quale è necessario il coinvolgimento dell’Onu. L’Italia, ha informato nei giorni scorsi Renzi, “ha chiesto alla Francia, alla Gran Bretagna e alla Spagna il sostegno ad una risoluzione dell’Onu sulla Libia”.

La risoluzione avrebbe lo scopo di dare copertura a quello che viene definito non un intervento militare, ma “un’operazione di polizia internazionale” finalizzata alla distruzione dei barconi usati dai trafficanti di uomini. Altro punto fondamentale della strategia italiana è il coinvolgimento dei Paesi di origine e transito dei migranti, sul cui territorio potrebbero essere realizzati dei centri per esaminare in loco chi ha diritto all’accoglienza in Europa. Anche in quest’attività è importante l’intervento delle Nazioni Unite attraverso l’Unhcr. Da parte sua Ban in un paio di interviste pubblicate oggi sui quotidiani ha precisato la sua posizione, ribadendo il no all’opzione militare in Libia.

“È cruciale – ha sottolineato – che la concentrazione di tutti sia su salvare le vite, inclusa l’area libica delle operazioni di ricerca e soccorso”, ma “la sfida” è “anche assicurare il diritto all’asilo del crescente numero di persone che in tutto il mondo scappano dalla guerra e cercano rifugio”. Quanto alla Libia, per il segretario Onu “non ci sono alternative al dialogo. Il mio Rappresentante speciale, Bernardino Leon, e la sua squadra continuano a lavorare in maniera instancabile con le parti libiche coinvolte, per aiutarle ad arrivare insieme ad uno spirito di compromesso”.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento