martedì, 18 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

In arrivo la 58esima
edizione del World Press
Photo 2015
Pubblicato il 27-04-2015


La foto vincitrice dell'edizione 2013 del World Press Photo

La foto vincitrice dell’edizione 2013 del World Press Photo

97.912 le immagini sottoposte alla giuria, inviate da 5.692 fotografi professionisti di 131 diverse nazionalità, 8 le diverse categorie del concorso, 41 i fotografi premiati di 17 diverse nazionalità, tra cui 9 italiani. Questi alcuni dei numeri dell’edizione 2015 del concorso World Press Photo, uno dei più importanti riconoscimenti nell’ambito del fotogiornalismo. La retrospettiva sarà ospitata al Museo di Roma a Trastevere dal 30 aprile fino al 22 maggio. 

L’EDIZIONE 2015 – In questa edizione la giuria ha suddiviso il concorso in otto categorie: ‘Spot News’, ‘Notizie Generali’, ‘Storie d’attualità’, ‘Vita quotidiana’, ‘Ritratti’, ‘Natura’, ‘Sport’, ‘Progetti a lungo termine’. A essere premiati sono stati 41 fotografi di 17 diverse nazionalità: Australia, Bangladesh, Belgio, Cina, Danimarca, Eritrea, Francia, Germania, Iran, Irlanda, Polonia, Russia, Svezia, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti. Per il nostro Paese sono stati 9 gli italiani ad aver ottenuto un riconoscimento.

IL CONCORSO – Il Premio World Press Photo da 58 anni, ogni anno, vede una giuria indipendente – formata da esperti internazionali – esprimersi su migliaia di domande di partecipazione provenienti da tutto il mondo, inviate alla World Press Photo Foundation di Amsterdam da fotogiornalisti, agenzie, quotidiani e riviste. Tutta la produzione internazionale viene in primo luogo esaminata, poi le immagini che costituiscono la mostra vengono premiate, e pubblicate nel libro che l’accompagna. Si tratta quindi di un’occasione per vedere le immagini più belle e rappresentative che, per un anno intero, hanno accompagnato, documentato e illustrato gli avvenimenti del nostro tempo sui giornali di tutto il mondo.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento