mercoledì, 18 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Continuo e costante l’aumento della pressione fiscale
Pubblicato il 02-04-2015


Istat-aumento-tasseContenuto, ma pur sempre un aumento, quello della pressione fiscale in Italia nel 2014 – +0.1% rispetto al 2013 – che nell’ultimo trimestre ha toccato lo 0.3%. Potere d’acquisto delle famiglie rimasto invariato quota di profitti delle imprese non finanziarie ai minimi da 20 anni. Questi dati diffusi oggi dall’Istituto nazionale di statistica. Nel frattempo è record del peso delle tasse sulla casa. Il Codacons: “La pressione aumenta, ma la qualità e la quantità dei servizi peggiorano sempre più”.

ISTAT: SALE LA PRESSIONE FISCALE – Secondo i dati forniti dall’Istituto di statistica nel IV trimestre 2014 la pressione fiscale è salita al 50,3%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2013 (50,2%), mentre nell’intero 2014 è risultata confermata al 43,5%, in aumento anche di 0,1 punti percentuali rispetto all’anno precedente, quando si era attestata al 43,4%. Sul fronte delle tasse sul mattone, il peso ha superato la quota record di 50 miliardi di euro, di cui 38 a carico delle famiglie. Il totale delle imposte gravanti – a vario titolo – sugli immobili in Italia è cresciuto in questi ultimi quattro anni in modo rapido, passando dai 38 miliardi del 2011 agli oltre 50 del 2014. Sulle sole famiglie, il rincaro complessivo è stato nel periodo di 7,2 miliardi, con una crescente incidenza delle imposte di tipo patrimoniale.

CODACONS: PRESSIONE AUMENTA, MA SERVIZI PEGGIORANO – Tornando sui dati Istat diffusi oggi, il presidente del Codacons, Carlo Rienzi ha rilevato che “l’Italia è paese europeo dove le tasse crescono più velocemente a fronte di servizi in costante diminuzione”. Secondo Rienzi “si versano più tasse per coprire deficit e sprechi della Pubblica Amministrazione, ma in cambio si ricevono meno servizi e di qualità peggiore – prosegue il numero uno dell’associazione dei consumatori – La pressione fiscale abnorme esistente in Italia rappresenta una zavorra per il paese, che peggiora le condizioni economiche di famiglie e imprese e rallenta l’uscita dalla crisi”. Secondo Rienzi “la priorità del Governo e della classe politica deve essere un taglio drastico alle tasse, partendo dalla lotta serrata agli sprechi della Pubblica Amministrazione”.

CONFASSOCIAZIONI: PRESSIONE NON PERMETTE RIPRESA ECONOMICA – Sulla pubblicazione dei dati Istat è intervenuto anche Angelo Deiana, presidente di Confassociazioni: “Le rilevazioni dell’Istat non fanno altro che confermare l’aumento continuo e costante della pressione fiscale sulle spalle degli italiani. Nel IV trimestre 2014 più della meta dei nostri redditi, il 50,3%, finirà in tasse. Un peso insostenibile per le famiglie che combattono giornalmente per riuscire ad arrivare a fine mese”. Per Deiana sino a quando “il governo non lavorerà per abbassare la pressione fiscale qualsiasi ottimistica ipotesi di ripresa economica si limiterà essere effimera o congiunturale”.

Siria Garneri

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento