venerdì, 20 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

LA SFIDA DEL 3%
Pubblicato il 07-04-2015


Nencini-infrastrutture

Riccardo Nencini, vice ministro delle Infrastrutture, ha appena incontrato il neo ministro Graziano Delrio. Ed esce dal colloquio particolarmente soddisfatto. Non avevo dubbi. Graziano lo conosco bene. È un tipo gentile e alla mano, sorridente e piacevole, non gigioneggia e ti fa sentire sempre a tuo agio. Ma soprattutto non è un improvvisatore. Contrariamente a Renzi non è personaggio da copertina e men che meno da avanspettacolo. Si prepara prima di parlare, studia, approfondisce. È anche trasparente come il suo esile corpo, irrobustito grazie a un passato da calciatore dilettante. Riccardo mi osserva quasi per scrutare se le sue impressioni sono esatte.

“Sì, l’impressione che ne ho ricavato è molto buona. Mi è parsa una persona equilibrata, seria, attenta ai particolari”.

Di cosa avete parlato?
Soprattuto dell’allegato delle infrastrutture al Dpef, un documento molto importante e stavolta, contrariamente al passato, decisamente innovativo.

In che senso?
Nel senso che stavolta verranno inseriti solo gli interventi prioritari, cioè quelli finanziati e che dovranno essere appaltati e cantierati da qui al 2020. Parlo, per ciò che riguarda le ferrovie, della Napoli-Bari, dell’Alta velocità in Sicilia, del traforo del Brennero, poi del valico dei Giovi. Tutto questo naturalmente in coerenza, e questo vale anche per le opere autostradali, con i cosiddetti corridoi europei, quattro dei quali interessano il nostro Paese. Non dimentichiamo poi le altre opere, quali la grande viabilità ionica che intesserà dal sud al nord la parte orientale della Calabria, la Salerno-Reggio Calabria, il quadrilatero Marche-Umbria. Nonché i nodi delle città metropolitane.

Naturalmente si proseguirà con la Torino-Lione, o ci sono ancora perplessità e tentennamenti? Si tratta di un’opera fondamentale per il corridoio Portogallo-Russia, se non vado errato…
Certamente. La ferrovia Torino-Lione proseguirà come prevedono gli accordi con la Francia e quelli in sede comunitaria.

Il rimpasto parziale non pare ancora completo. Dopo la sostituzione di Lupi con Delrio manca sia il nuovo sottosegretario alla presidenza del Consiglio, sia la ricompensa per il Nuovo centrodestra.
Nel Nuovo centrodestra ci sono due divisioni. Una politica, interpretata dalla De Girolamo e forse da qualcun altro, che vorrebbe l’uscita del partito dal governo. Poi c’è una divisione più attinente col potere, tra chi rivendica un ministero forte e chi accetta l’offerta del ministero delle Regioni con qualche delega in più. Quest’ultima, che è la posizione di Alfano, alla fine prevarrà.

Il nuovo Italicum, anche se migliorato rispetto alla stesura iniziale, a me continua a non piacere. È una legge elettorale tutta ricalcata su un modello presidenziale che non c’è. Poi elimina le coalizioni introducendo il premio alla lista, cosa che complica molto la nostra ricerca del tre per cento.
Quest’ultima stesura della legge ha accolto sostanzialmente le nostre richieste di modifica sui punti fondamentali, in particolare l’innalzamento della quota per il premio al primo turno, poi l’abbassamento della soglia di sbarramento delle liste e infine il superamento delle liste bloccate. Credo che per questo alla Camera dovremmo approvarla.

Però anche la nostra ricerca di un polo politico elettorale che possa superare il tre per cento diventa più ostica e peserà su di essa il pericolo del ‘voto inutile’.
Dipende da noi. Tutti i problemi esisteranno dal momento in cui ci metteremo in testa di non riuscire a superare il tre per cento.

Questa idea, dopo il recente Consiglio nazionale, resta il nostro orizzonte?
Certo. Lo ha stabilito il documento approvato a stragrande maggioranza, che ha stabilito che il Psi deve restare al governo, che non deve assolutamente far parte di un nuovo polo della sinistra antagonista e che deve tentare di formare, sulla scorta di quanto sta avvenendo alle elezioni regionali, una lista socialista, laica, riformista, democratica e popolare.

A proposito delle elezioni regionali vuoi riassumere le scelte compiute dai socialisti?
Si voterà in sette regioni. In due (Umbria e Campania) presentiamo liste socialiste, in altre due (Toscana e Marche) liste civiche-socialiste, in Puglia, Veneto e Liguria presenteremo candidati nelle lista del presidente. Anche se in Liguria restano tuttora margini di incertezza.

Dopo il Consiglio nazionale si è tenuta un’assemblea delle minoranze del Psi che hanno fondato il movimento di Risorgimento socialista. Che ne pensi?
Penso che ogni movimento di opinione che si muova all’interno di una logica di partito deve essere il benvenuto. Se invece diventa alternativo alla politica scelta e promuove azioni in contrapposizione con le decisioni assunte allora diventa chiaramente incompatibile.

Dunque nessuna possibilità di aderire alla cosiddetta coalizione sociale di Landini?
Il massimalismo è tramontato nel Psi alla metà degli anni settanta. Col Midas. E da allora non è più rinato. Noi siamo stati e siamo tuttora un partito riformista e di governo. Poi cos’è la ‘coalizione sociale’? Un agglomerato di scontento sociale, di movimenti politici e sindacali che più che porsi il problema di governare si pongono quello di mettere il bastone tra le ruote a chiunque tenti farlo.

Quali i prossimi appuntamenti del Psi?
Proprio giovedì si terrà la riunione di tutte le fondazioni socialiste della quale ti so particolarmente interessato. Il 30 aprile, probabilmente alla Camera o al Senato, riunione di un nucleo di alleanza liberalsocialista, riformista e popolare, alla quale parteciperanno anche interlocutori nuovi come Dellai e Della Vedova. Poi il 3 maggio manifestazioni nei capoluoghi delle sette regioni in cui si vota. Dunque una mobilitazione nazionale del partito alla quale tutti saranno chiamati a recare il proprio contributo. Attivo, costruttivo, elettoralmente utile per un autentico risorgimento socialista

Mauro Del Bue

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Segretario
    Mi soffermo sulla Legge elettorale sulla quale i commenti dei socialisti e lettori che si esprimono sull’Avanti concordano con le posizioni critiche del Direttore Mauro Del Bue spingendosi fino ad invitare i nostri parlamentari a votare contro l’attuale definizione.
    Le ultime elezioni politiche nazionali hanno segnato una profonda lacerazione politica nel nostro Partito per la decisione assunta dalla tua Segreteria di non presentarci come PSI, e di aderire al sostegno della candidatura di Bersani rispetto a Renzi dopo il patto che il PSI concordò con il PSE.
    La composizione parlamentare del PD è derivata dalla Segreteria Bersani e i sette parlamentari socialisti sono il frutto di quel sostegno concordato in sede europea a Bersani. Come Segretario del PSI hai avuta riconosciuta da Renzi e non da Letta, la nostra rappresentanza al Governo con la carica di Vice Ministro.
    Attualmente Bersani non è disposto ad accettare l’attuale versione che vuole imporre Renzi e, pur esprimendo la sua fedeltà verso la Ditta, ha dichiarato che in questo caso viene prima il Paese e la salvaguardia della Democrazia rispetto alla Ditta.
    Leggere la tua affermazione che voterai a favore della versione di Renzi e non di quella di Bersani mi rattrista non solo per la scelta socialista sui contenuti della Legge, ma anche per l’allineamento che ne deriverà dei nostri parlamentari all’onda di opportunismo e di trasformismo verso Renzi che ha coinvolto altre forze politiche.
    Io sono convinto che l’attuale quadro politico è destinato a scomporsi e a ricomporsi. Il pericolo che vedo per il Centrosinistra è che in questa ricomposizione esso possa ripetere gli errori storici di rimanere diviso mentre il centrodestra ritornerà a ricompattarsi e a riassumere la maggioranza dell’elettorato. Il guaio sarà che il Centrodestra gestirà il Potere con gli strumenti derivanti da queste Riforme istituzionali di Renzi che se non saranno modificate renderanno in futuro più difficile un ritorno del centrosinistra al Potere. Anche se in ritardo Bersani questo l’ha capito. Speriamo che tu assieme ai nostri parlamentari non siate da meno e nel voto vi schierate con Bersani e non con Renzi. Spero che tu assieme ai nostri parlamentari non vi dimentichiate che siete stati eletti con e per Bersani.
    Tra i ridotti spazi di espressione rimasti ai socialisti quello coperto dall’Avanti è il principale e l’orientamento è contrario alla Legge attuale. Oltre ai giudizi contrari dei compagni delle altre due Mozioni congressuali leggo su altre sopravvissute riviste socialiste e su e-mail che mi giungono la contrarietà di tanti socialisti a questa Legge elettorale.
    Malgrado tutto ciò, potresti spiegarci in base a quale nobile calcolo hai deciso di immolare il voto socialista a questa Legge elettorale ?? Spero di poterti ringraziare per una risposta e per un cambio di decisione.
    Sempre con fraterni saluti.
    Je suis socialiste

  2. cario compagno nencini
    da vecchio riformista ex PCI nel 2008 avevo votato PSI ed ora sono ferreamente antirenziano e perciò deluso dalla posizioni che tu esprimi sugli aspetti istituzionali. Italicum 2, nonostante i miglioramenti rispetto alla versione 1 (che era tecnicamente un obbrobrio) resta peggio della legge truffa del 1953. Unito al senaticchio dopolavoristico votato dai renzuscones, si prospetta un parlamento dci uomini di paglia. Eppure le controproposte c’erano: la bozza Chiti garantiva dimezzamento dei parlamentari e senato elettivo ma senza bilancio né fiducia. E il voto alla francese (o almeno il mattarellum) chiudeva il cerchio senza uscire dalla repubblica parlamentare. Male la cedevolezza dei bersaniani e male anche il tuo approccio, Nencini. Speriamo che i socialisti della diaspora votino contro al prossimo referendum .Io lo farò di certo.

  3. Ipse dixit: Nencini non tollera alcun risorgimento socialista che non sia diretto da lui, evidentemente si sente Cavour. La lezione di Renzi lo ha trovato allienato e coperto, fautore di un socialismo di governo ad oltranza, prima sostenitore di Bersani, poi di Letta e infine di Renzi con tutta la sua corte di centrodestra. Mai il socialismo italiano è sceso tanto in basso. Adesso Nencini vota anche la versione renziana dell’Italikum, rinnegando come e con chi è stato preso premio di maggioranza.che consente l’attuale governo.
    Con ciò, il PSI viene trascinato nel peggiore trasformismo che ha contraddistinto la storia politica del nostro paese.

  4. Ma dopo tutte le critiche approfondite e giuste fatte dal nostro direttore Mauro del Bue, come fa Il segretario del partito a dire che la legge elettorale voluta da Renzi va bene e deve essere votata? non si rende conto il nostro Nencini che se la legge sarà’ approvata dalla Camera questa comporterà’ la definitiva scomparsa del Partito Socialista?

Lascia un commento