martedì, 20 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Marò, Corte Suprema:
Proroga per Latorre
Pubblicato il 09-04-2015


Maro15 luglio. Questa la data sino alla quale il fuciliere di Marina, Massimiliano Latorre potrà restare in Italia. Tre mesi in più rispetto alla scadenza – prevista il 12 aprile – per consentire al militare pugliese di riprendersi dall’intervento al cuore subito a gennaio scorso. La decisione è stata assunta da tre giudici della dalla Corte Suprema indiana, senza entrare nel merito delle condizioni attuali di salute di Latorre. Durante il dibattito è stato disposta anche la fissazione – entro fine aprile – di un’udienza per esaminare il ricorso italiano in cui viene chiesto che a seguire il caso non sia l’antiterrorismo, ossia la National Investigation Agency (Nia).

SEGNALI POSITIVI – La proroga della convalescenza rappresenta un segnale positivo per le trattative ufficiose in corso al fine di trovare una soluzione politica concordata tra Roma e New Delhi. La Corte Suprema ha inoltre auspicato che il processo contro i due maro’ inizi il prima possibile (insieme a Latorre è sotto processo anche Salvatore Girone – che si trova in India – accusati di aver ucciso, il 15 febbraio 2012, due pescatori indiani scambiati per pirati mentre si trovavano a bordo della petroliera “Enrica Lexie”, a largo delle coste dello Stato del Kerala, ndr).

LA FIDANZATA DI LATORRE: PROROGA É SOLLIEVO – La compagna di Latorre, Paola Moscetti ha definito la proroga “un sollievo che sicuramente consente a Massimiliano di proseguire le cure in un ambiente più salubre quale può essere quello domestico. Questo almeno dal punto di vista fisico. Da quello psicologico sicuramente è un sollievo temporaneo”.

IL RECENTE VOTO DI STRASBURGO – Sul fronte europeo, è di tre mesi fa la votazione – ad ampia maggioranza – della risoluzione del Parlamento europeo che ha incoraggiato l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri, Federica Mogherini a intraprendere ogni azione necessaria per proteggere i due fucilieri, definendo la questione di rilevanza europea.

Siria Garneri

Angela Merkel Angelino Alfano bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento