mercoledì, 17 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Portogallo, per le elezioni censura preventiva ai media
Pubblicato il 27-04-2015


Portogallo-elezioniFa discutere in Portogallo – scrive Swiss Info – il progetto di legge, concordato dai due partiti conservatori al governo, Psd e Cds, con il Partito Socialista all’opposizione, che punta a stabilire un controllo preventivo sui mezzi di comunicazione nella prossima campagna elettorale.

Le elezioni politiche si terranno il 20 settembre. Il testo, inviato anche al Partito Comunista e al Bloco de Esquerda e citato oggi dai media, impone a ogni mezzo di comunicazione, pubblico o privato, di presentare prima del periodo elettorale un piano di copertura delle elezioni, che sarà controllato da una commissione mista nominata dai partiti politici. Il mancato adempimento del programma comporterà multe e sanzioni fino a 50’000 euro.

Un cosiddetto “visto preliminare” dovrà essere dato a ogni tipo di contenuto, dalle notizie ai reportage, dalle interviste ai dibattiti, sia su stampa scritta, che su radio e tv, analogica o digitale, o anche su portali web e media on line, riferiscono i media. E non solo durante i 15 giorni della campagna elettorale, bensì dal momento in cui saranno ufficializzate le candidature.

L’obiettivo del disegno di legge, approvato con i voti dei tre principali partiti, è – secondo la stampa portoghese, che denuncia il tentativo di censura preventiva – quello di assicurarsi la copertura mediatica in maniera proporzionale alle forze politiche rappresentate nell’attuale parlamento, a scapito dei partiti minoritari ed extraparlamentari, come quelli degli indignati Juntos Podemos o Livre.

Quest’ultimo ha denunciato “l’inaccettabile attacco alla libertà di espressione”, perché “non spetta al potere politico tutelare i mezzi di comunicazione indipendenti e liberi” o determinare per legge “se i giornalisti facciano o meno valutazioni di valore durante la copertura informativa”.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento