venerdì, 21 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Maltrattamenti. Ex ministro Psoe si autosospende
Pubblicato il 08-04-2015


Aguilar-PsoeUn’accusa già ritirata per maltrattamenti e una testimonianza del figliastro aspirante attore, su questi pilastri si fonda il processo mediatico in corso in Spagna nei confronti di Juan Fernando Lopez Aguilar eurodeputato del PSOE.

Una notizia che non avrebbe avuto il risalto che sta avendo se il protagonista non fosse l’ex ministro della Giustizia spagnolo Juan Fernando Lopez padre della legge contro la violenza domestica sulle donne – ora accusato dalla sua ex moglie di percosse.
La denuncia è emersa durante la causa di divorzio ed è stata trasmessa e poi ritirata, da quanto si apprende dai giornali, al tribunale di Las Palmas de Gran Canarias alla Corte Suprema, che ora dovrà decidere se procedere contro il politico socialista.
Lopez Aguilar nega: “Sono accuse totalmente false, mi colpiscono dove più fa male e sui miei valori di uomo e di politico”, ha detto l’ex ministro al quotidiano El Pais.

Le prime pagine dei giornali e le aperture dei tg nazionali fanno da cassa di risonanza ai protagonisti della vicenda, già in precedenza il figlio dell’ex moglie aveva denunciato Aguilar per violenze ai danni della madre, esposto che però era stato in seguito ritirato. Secondo l’ex ministro si tratta “anche questa volta un’altra falsità. Sostengo la validità della mia legge contro la violenza di genere – ha spiegato Aguilar – e adesso mi difenderò da questa orribile calunnia”.
”È doloroso vedere come persone che ho amato molto minaccino di rovinarmi la reputazione e l’onorabilità “ ha detto l’ex ministro.

Juan Fernando Lopez Aguilar, ministro simbolo delle storiche leggi del primo governo Zapatero, portano la sua firma quella contro la violenza sulle donne e la legalizzazione dei matrimoni tra persone dello stesso sesso, si è autosospeso dal PSOE fino a che la situazione non verrà chiarita e per non arrecare danno al proprio partito, per ora è data per ufficiale l’iscrizione al gruppo misto dell’europarlamento.

Dal Partito Socialista spagnolo la prima a commentare la notizia sui social network è stata Beatriz Talegon, membro della direzione nazionale e leader della sinistra socialista, “fa male vedere come sia facile gettare fango per liberarsi di genio e maestro della politica come Juan Fernando. L’autosospensione è un gesto esemplare, soprattutto quando in molti continuano a rimanere aggrappati alla sedia”.

Tutto tace dalla segreteria del Partito, il segretario Sanchez non commenta e dal partito non arriva nessun comunicato sulla vicenda.

Sara Pasquot

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento