lunedì, 23 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Schietroma: il PSI si mobilita su pensioni e sicurezza
Pubblicato il 15-04-2015


Sicurezza famiglie-PsiAbbiamo rivolto alcune domande a Gian Franco Schietroma, Coordinatore della Segreteria nazionale del PSI, in ordine alle proposte di legge presentate ieri dai parlamentari socialisti sulle pensioni e sulla sicurezza delle famiglie.

I parlamentari del PSI hanno presentato due proposte di legge, una a favore dei pensionati, l’altra per la sicurezza delle famiglie. Quale è il significato di questa iniziativa?
Noi socialisti siamo sempre stati e siamo sempre dalla parte dei più deboli. Pertanto, con l’evidente perdita del potere d’acquisto delle pensioni, riteniamo assolutamente opportuno ampliare la platea dei pensionati beneficiari della cosiddetta quattordicesima, portando a compimento la giusta iniziativa promossa dal Governo Prodi con la legge n. 127 del 2007. Inoltre, consideriamo fondamentale assicurare alle famiglie una maggiore sicurezza rispetto a reati di enorme allarme sociale, come i furti nelle abitazioni, gli scippi, le rapine e le estorsioni, estendendo le misure di prevenzione previste per i mafiosi ed i camorristi anche a coloro che commettono questi reati.

L’intervento proposto sulle pensioni è consistente; ci sono le coperture finanziarie sufficienti ?
È vero; si tratta di una manovra importante perché riguarda circa 10 milioni di pensionati, i quali riceverebbero in più, di media, circa 400 euro. Il costo complessivo è stimato intorno a 4,5 miliardi di euro e le risorse per far fronte a questa spesa sono, oltre all’annunciato “tesoretto” di 1,6 miliardi, l’utilizzo delle somme relative alle quote inespresse dell’otto per mille (circa 800 milioni) e l’aumento del prelievo sul gioco d’azzardo.

La proposta di legge sulla sicurezza delle famiglie non va a contrastare con la tradizione garantista del PSI ?
Certamente no; noi socialisti siamo sempre stati e restiamo sempre garantisti, ma abbiamo, anche e soprattutto, il dovere civico di garantire la sicurezza delle famiglie, sempre più minacciate da fenomeni gravissimi, come, ad esempio, le violente violazioni di domicilio perpetrate con i furti e le rapine nelle abitazioni. Il provvedimento proposto, peraltro, è molto bene equilibrato, non comportando aumenti di pene, ma un’applicazione più ampia delle misure di prevenzione personali.

Cosa intendete fare per sostenere al meglio le due proposte di legge presentate dai parlamentari socialisti ?
È nostro intendimento promuovere sul territorio, a cura degli organismi locali del Partito, ampie raccolte di firme a sostegno di queste proposte di legge. I cittadini avranno, quindi, modo di partecipare e di esprimersi al riguardo. È importante che l’iter parlamentare di queste proposte socialiste venga rafforzato da un forte consenso proveniente dai territori.

Lorenzo Mattei

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento