martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Alberto Calle:
Emergenza immigrazione
Pubblicato il 23-04-2015


Mi dispiace che i giornalisti in Italia, parlino spesso dell’immigrazione, dimenticando un altro dramma umano, che tra l’altro, coinvolge i nostri connazionali, parlo della decisione di Whirpool di chiudere gli stabilimenti, facendo aumentare la disoccupazione, soprattutto in Caserta, forse i giornalisti Italiani ne dovrebbero occuparsene di più di questo dramma. In quanto all’immigrazione, è pure un dramma, perché, possiamo conoscere meglio la schiavitù del XXI secolo, capisco i Paesi che gli rispediscono indietro, come la Germania, oppure coloro che non condividono la posizione del presidente Matteo Renzi alla riunione straordinaria del Consiglio europeo, perciò, occorre distruggere le barche e penalizzare gli scafisti che si arricchiscono con le vite umane, ma non basta, tutti abbiamo visto con Mafia Capitale, come i centri di accoglienza serve come strumento economico alla Mafia, ecco perché, sarebbe più umano chiudere i centri di accoglienza e rispedire gli immigrati ai Paesi da dove sono partiti, come lo fanno altri Paesi, inoltre, dobbiamo fare il blocco navale, che è fattibile, perché si può applicare gli articoli 41 e 42 della Carta delle Nazioni Unite che prevedono tra l’altro, il blocco navale oltre a quello economico e diplomatico, questa sarebbe la soluzione al problema immigrazione, si risparmierebbe anche dal punto di vista economico e logistico, ma soprattutto sarebbe la cosa giusta ed umana da fare.

Alberto Calle

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento