sabato, 21 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Celso Vassalini:
25 aprile, cosa ricordare e cosa dimenticare
Pubblicato il 27-04-2015


Sabato 25 aprile, i leader dei maggiori partiti di opposizione, Grillo e Salvini, non hanno detto mezza parola sulla Liberazione dal Fascismo. Capite perché bisogna far capire a tutti che queste persone sono una minaccia per la nostra nazione?

Della Festa del 25 aprile voglio CANCELLARE i 4 idioti che hanno contestato la brigata ebraica a Milano, i vergognosi revisionisti che pretendono di descrivere i fascisti come vittime al pari delle forze partigiane, alcune trasmissioni che hanno pensato di dar loro voce proprio in questo giorno. Voglio invece RICORDARE le piazze piene di persone festanti, di ragazze/i che facevano discorsi, recitavano e cantavamo, di Sindaci con la fascia, di testimoni e attori della Resistenza, tutti a gridare no all’odio, no alla violenza, no al fascismo e a ogni forma di totalitarismo, si ad un’Italia unita attorno ai valori di Democrazia, libertà, giustizia e pace! Grazie a Voi Donne Italiane, non attendo 8 marzo e 25 aprile queste date per ricordarvi, ma siete per noi tutti esempio da seguire ogni giorno nel vostro silenzio e nella sofferenza. Ecco uno dei magici segreti che fa grande il nostro Paese.

Celso Vassalini

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento