mercoledì, 18 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Masolini:
il Psi di oggi e di ieri
Pubblicato il 30-04-2015


Entrando nell’archivio Avantionline, come ogni tanto faccio nel tentativo di potere recuperare quei numeri arretrati che per ragioni spesso di tempo non sempre mi è possibile leggere nel giorno stesso della loro pubblicazione come invece desidererei, sono andato soffermandomi – colpito dal titolo – su un editoriale di Mauro Del Bue. In questo scritto, “Vi dispiace se parlo un po’ di noi?”, uscito il 2 febbraio scorso, vi compaiono alcuni passi in cui (se pur a grandi linee) si possono cogliere molte cose della situazione di ieri e di oggi del Psi. “(…)

Noi siamo praticamente scomparsi sia come partito sia come storia. Per colpa di chi, direbbe quel tale? Penso che la colpa sia anche un po’ nostra, è vero. I democristiani e i comunisti, soprattutto i primi, hanno saputo mantenere una qualche forma di solidarietà tra loro. Anche nella divisione politica più netta, hanno creato fondazioni unitarie, sul piano storico esaltano la loro tradizione, e quando si parla di eleggere uno di loro si uniscono tutti. I socialisti invece – osserva giustamente Del Bue – hanno cominciato a litigare dopo la fine del Psi e continuano, quelli residui e viventi a litigare ancora accapigliandosi su chi ha tradito e chi no, su chi è a destra e su chi è a sinistra. (…) Stanno cancellando la nostra storia e la nostra identità di socialisti italiani, riformisti e liberali e noi non sappiamo nemmeno unire le energie residue in un unico grande sforzo contro la nostra estinzione…”.

Se come scrive Del Bue siamo praticamente scomparsi, cosa succederà fra un po’ di tempo al rinato Partito socialista con l’imminente introduzione della tanto contrastata legge elettorale in arrivo la prossima settimana? Comunque, anche se un giorno (ma spero davvero di no) il Psi non dovesse avere i numeri (e il cosiddetto Italicum ne richiede parecchi) per rimanere in Parlamento, sono certo che il socialismo non potrà mai estinguersi. Esso è un grande ideale che sa sempre andare oltre. La sempre fatto, del resto, e continuerà senz’altro a farlo per tanto tempo ancora.

Luciano Masolini

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento