sabato, 15 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Whirlpool fa “la differenza” al Sud. Tavolo al Mise
Pubblicato il 27-04-2015


whirlpool-Mise-GuidiIl noto spot della multinazionale Whirlpool con il suo motto “sensing the difference”, sembra una beffa di questi giorni per quel che sta accadendo nel sud Italia e precisamente a Carinaro (Caserta), dove l’azienda ha annunciato 800 esuberi dopo l’acquisto di Indesit e le promesse di nuovi stanziamenti. Tanto che Irene Tinagli, Pd, ha depositato un’interrogazione parlamentare chiedendo all’azienda la restituzione dei 10 milioni di finanziamento avuti da Invitalia da Whirlpoo e al Governo di chiarire perché il finanziamento non sia stato rivisto o bloccato, come prevede il decreto sui contratti di sviluppo, una volta che l’acquisto di Indesit da parte della multinazionale americana è stato ufficializzato. Da molte parti, non solo dal Governo, si avverte la beffa di un’azienda che aveva promesso investimenti e che invece ora annuncia 1.350 esuberi da fare dopo il 2018, e la chiusura di due stabilimenti e un centro ricerca.

Oggi il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi ha deciso così di avviare un confronto senza pregiudiziali sul piano industriale Whirlpool, tra azienda e sindacati, a cui ha partecipato Teresa Bellanova e 130 rappresentanti delle istituzioni locali, dell’azienda, dei sindacati, di Confindustria e di Federmanager. Tra questi, il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, l’amministratore delegato di Whirlpool Davide Castiglioni ed esponenti della Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Ugl-Metalmeccanici e Uilm-Uil. Oggi l’azienda ha presentato al tavolo delle trattative il piano da 500 milioni e un totale di 1.350 esuberi, da attuarsi dal 2018, confermando di essere disposta ad onorare l’impegno di non procedere a licenziamenti unilaterali sino alla fine del 2018, nel rispetto del Piano Italia Indesit 2013. Castiglioni, Ad di whirlpool Italia, ha dichiarato: “Riteniamo che il nostro piano industriale sia il migliore possibile per dare continuità sostenibile all’industria italiana. Oggi è un giorno importante perché alla presenza di tutte le parti interessate abbiamo dichiarato la nostra apertura al confronto su tutti i contenuti del piano, compresa la chiusura dello stabilimento di Carinaro”. Federica Guidi, ha espressamente fatto richiesta all’azienda di non rendere esecutivo il piano industriale. “Il piano per noi è solo un punto di partenza, lo considero quindi rivedibile e per questo chiedo all’azienda di non considerarlo esecutivo”, ha detto il ministro. La trattativa durerà 6 mesi e i prossimi incontri sono stati fissati per il 29 aprile e per il 5 e l’8 maggio.

Intanto i sindacati restano in allerta. “Come Uilm abbiamo accolto l’invito del Ministro ad intraprendere un confronto senza pregiudiziali in sede ministeriale – ha dichiarato Rocco Palombella, segretario generale della Uilm al termine dell’incontro al Mise – ma abbiamo ribadito che non siamo e non saremo disponibili per nessun motivo a fare accordi che prevedano chiusure e licenziamenti. Partiamo dal fatto che esiste già un accordo che assegna missioni produttive ad ogni fabbrica con l’obbligo a non licenziare, che è stato firmato poco più di un anno fa dallo stesso Governo e che Whirlpool ha ereditato acquistando Indesit”.

“Non siamo all’inizio della crisi e abbiamo già pagato un pesante prezzo in questo anni – aggiunge il sindacalista – ora è il momento di invertire il corso delle cose e difendere il cuore della nostra industria: solo così si rilancia davvero il Paese. Stavolta o si vince o si perde tutti insieme”.

Il segretario Uilm Campania, Giovanni Sgambati avverte: “Gli spiragli che si aprono nella vertenza stanno tutti nella volontà del Gruppo di fare una trattativa senza pregiudiziali. Per questo manterremo alta la tensione soprattutto a Carinaro, riconfermiamo le 12 ore di scioperi già proclamati e proseguiremo con altre iniziative di lotta”.

Liberato Ricciardi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento