martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Premio “Marco Luchetta”. Annunciati i finalisti
Pubblicato il 18-05-2015


Floramo_2.L’ondata di terrore e la sua espansione in Medio Oriente, poste in essere dallo  Stato islamico in questi mesi,  sono al centro dei reportage in gara per l’edizione 2015 del “Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta”, promosso dalla Fondazione Luchetta con la Rai. «Molte le corrispondenze che testimoniano le piccole grandi storie dei bambini soffocati dal fondamentalismo e traumatizzati dalle violenze dell’Isis -spiega il segretario di Giuria del Premio Luchetta, Giovanni Marzini – Ma i contributi in gara quest’anno e la selezione della giuria, presieduta dal direttore di Rai Tgr, Vincenzo Morgante, restituiscono ad ampio raggio lo scenario allarmante delle principali emergenze del nostro tempo».

Giunto alla XII edizione, si terrà a Trieste dal 29 giugno al 2 luglio 2015. Le terne finaliste sono state annunciate il 14 maggio nella sede RAI di Roma, presenti il direttore di Rai1 Giancarlo Leone, il direttore di Radio1 Rai, Flavio Mucciante, il portavoce Unicef Italia, Andrea Iacomini e Daniela Luchetta, presidente della Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin e moglie di Marco.

‘BBC’, ‘Channel 4’ e ‘Canale 5/Mediaset’, con le corrispondenze dei reporter Caroline Hawley, Jonathan Rugman e Pietro Suber sono i finalisti del Premio Luchetta 2015 per la sezione ‘Tv News’. La reporter Caroline Hawley di ‘BBC’ ha raccontato la storia delle sorelle siriane Qamar e Rahaf, colpite da una bomba mentre dormivano; l’inglese Jonathan Rugman – per ‘Channel 4’ – ha testimoniato dall’elicottero militare le operazioni di soccorso ai rifugiati Yazidi minacciati dall’Isis nell’agosto 2014; e infine Pietro Suber ha documentato per ‘Tg5/Tgcom’ la realtà di uno dei centri di cura per malati di Ebola, molti giovanissimi.

Per la sezione Quotidiani/Periodici in finale quest’anno il ‘Corriere della Sera’, con il reportage di Davide Frattini dalla Palestina, ‘il Venerdì’ di Repubblica con il servizio di Antonella Barina dal Tamil e ‘Avvenire’ con la corrispondenza di Elena Molinari sulle morti dei giovani afroamericani negli Usa. Zmnako.Pablo Trincia di ‘La7’, Lyse Doucet di ‘BBC’ e Medyan Dairieh di ‘Vice News’ sono i finalisti della sezione ‘Premio Luchetta Reportage’. ‘Paris Match’, ‘The Guardian’ e ‘The Washington Post’ nella terna della Stampa internazionale. Infine per la migliore fotografia, selezionati gli scatti di Vincenzo Floramo (‘Al Jazeera Magazine’), di JM Lopez  (‘El Pais’) e Zmnako Ismael (‘Time’).

La serata dei conferimenti denominata “I nostri Angeli” 2015, evento clou del Premio Luchetta in programma il 2 luglio, è affidata ad Alberto Matano (Tg1), ripresa e trasmessa da Rai1. La “Fondazione Luchetta, Ota, D’Angelo, Hrovatin”, costituita all’indomani dei tragici fatti di Mostar – dove il 28 gennaio 1994 persero la vita i giornalisti Marco Luchetta’, Alessandro Ota, Dario D’Angelo, seguiti nella tragica sorte dal collega Miran Hrovatin, assassinato a Mogadiscio nel marzo dello stesso anno – aiuta bambini affetti da malattie non curabili nei loro paesi d’origine. Ha ospitato e aiutato a curare oltre 450 bambini provenienti da 5 continenti e da 50 Paesi nei quali è impossibile fornire anche la più semplice delle cure. «Puntiamo a garantire sempre la massima professionalità, anche negli interventi più complessi – affermazioni del presidente signora Lucchetta – sia rispetto agli arrivi dei minori dall’estero per le cure, che per le nuove attività sociali della Fondazione verso i minori italiani e stranieri che già vivono a Trieste».

Guerrino Mattei

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento