sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Benessere. L’Italia 14^ su 36
ok Bolzano, male a Napoli
Pubblicato il 18-05-2015


Better Life IndexL’Organizzazione mondiale per la cooperazione e lo sviluppo economico ha divulgato i risultati del Better Life Index. La ricerca, portata avanti con la collaborazione di Expo 2015, si è basata sulle risposte di oltre 3600 soggetti e ha preso in considerazione 11 fattori di benessere in 36 Paesi. Il reddito e la salute sono i cavalli di battaglia in Italia mentre arrancano istruzione, occupazione, ambiente e soddisfazione personale.

I 36 Paesi sono quelli che fanno parte dell’Ocse più Brasile e Russia e l’Italia si è posizionata 13esima nell’equilibrio lavoro-vita, al 14esimo posto nel reddito e al 17esimo nella salute. Nelle relazioni sociali, impegno civile, abitazione, sicurezza, soddisfazione personale, ambiente, occupazione e istruzione occupiamo le zone basse della classifica. I dati pubblicati dal Better Life Index rivela che vi sono disparità sostanziali tra regione e regione. La provincia autonoma di Bolzano, per esempio, si trova in testa rispetto alle altre Regioni, mentre la più disagiata è la Campania. Differenze regionali esistono anche in materia di sicurezza (agli antipodi la provincia di Trento e la Calabria) così come l’ambiente(Sardegna la migliore, Lombardia la peggiore) e il reddito (ancora la provincia di Bolzano e la Campania).

Bolzano

Il livello generale della salute è molto buono in 18 regioni su 20, così come l’impegno civile. I capitoli istruzione e occupazione si sono rivelati disastrosi ai fini della rilevazione statistica. Inoltre, per gli italiani sono più importanti gli ambiti della salute, dell’istruzione e della soddisfazione personale. La Better Life Index è però un’indicazione non una verità dogmatica. I 3600 cittadini presi in esame non sono molto rappresentativi rispetto ai quasi 59 milioni di italiani. Per questo il rapporto dell’Ocse va preso con cautela.

Napoli

Lo Human Development Index (HDI), cioè l’Indice di Sviluppo Umano, fornisce un quadro più completo del reale stato del nostro Paese. L’Italia nel 2014 ha occupato la 26esima posizione, su 187 Paesi, nella classifica generale. L’HDI si basa anche sulla crescita del Pil dei singoli Stati. Tuttavia il Pil è un indicatore economico che si basa su freddi parametri monetari dei beni e servizi prodotti, oltre che i consumi totali. Il parametro più importante, la felicità e il benessere psicofisico del singolo, non è preso in considerazione.

Manuele Franzoso

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento