lunedì, 21 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cent’anni dopo
Pubblicato il 23-05-2015


“Le radiose giornate di maggio” del 1915 diedero il via alla guerra italiana. Con un anno di ritardo, come accadde per la seconda, esplosa nel 1939, ma con la sciagurata discesa in campo dell’Italia solo il 10 giugno del 1940, col discorso del duce da Palazzo Venezia, e il popolo italiano esultante e festante all’annuncio. In occasione della prima guerra, peraltro, l’Italia aveva deciso di capovolgere le sue alleanze. Dalla triplice alleanza con Austria e Prussia, si passò alla quadruplice intesa con Francia, Inghilterra, Russia, su pressione della parte di sinistra dell’interventismo che intendeva la guerra come una sorta di liberazione dall’imperialismo austro-ungarico, dopo l’aggressione alla Serbia.

Era difficile allora sottrarsi alla generale infatuazione della guerra giusta. Tanto che gli stessi figli di Garibaldi partirono subito volontari, già prima della dichiarazione di guerra dell’Italia, per combattere a fianco dei francesi nelle Argonne. Anche la sinistra italiana si divise, tra interventisti e neutralisti. Il più decisamente e fieramente avverso alla guerra, il direttore dell’Avanti Benito Mussolini, si convertì all’interventismo, fu espulso dal Psi e fondò il giornale Il Popolo d’Italia, con sovvenzioni francesi. Nel Psi Costantino Lazzari coniò il celebre detto “Non aderire né sabotare” e Filippo Turati lo criticò “perché non aderire è anche un po’ un sabotare e non sabotare è un po’ un aderire”.

La posizione dei riformisti, Turati e ancor più Prampolini, era decisamente pacifista, ma politicamente propensa ad appoggiare le ragioni degli Stati democratici. Quando, dopo Caporetto, la guerra si trasformò in invasione, allora Turati volle decisamente schierarsi per la difesa in armi del patrio suolo. Per questo verrà politicamente processato dal congresso di Roma del 1918. La posizione neutralista estrema era patrocinata da Serrati, da una parte del gruppo massimalista, da coloro che intendevano l’internazionalismo proletario come indifferenza alle questioni nazionali. Poi vi era una posizione interventista che nel Psi aveva come interpreti Bissolati e Salvemini, che coniugavano le motivazioni sostenute dagli stessi riformisti con la conseguenza delle ragioni dell’intervento.

Vi era poi una quarta posizione, diciamo così dell’interventismo rivoluzionario, con protagonisti molti ex sindacalisti quali De Ambris e Corridoni, che sostenevano un possibile aggancio tra la guerra e la rivoluzione, come poi avverrà in Russia. La guerra fu un macello. In Italia perirono 650 mila persone, quasi tutte giovani e al fronte. Più del doppio di quelle che morirono, anche coi bombardamenti, nella seconda guerra. Il conflitto determinò due conseguenze. La prima fu una più netta opposizione al sistema che l’aveva generata e il desiderio di “fare come in Russia”. La seconda fu quella di esaltare l’enorme sacrificio di vite umane degli italiani, non considerando inutile la loro carneficina.

Il Psi scelse la prima via e si professò per la dittatura del proletariato. I riformisti si opposero al mito sovietico, proposero la partecipazione al governo, ma furono una esigua minoranza. Tanto che, l’anno dopo la scissione comunista, per le indecisioni di Serrati di scegliere tra le due vie, verrano espulsi e fonderanno il Psu. Sul mito della guerra vinta proliferò una nuova tendenza e si formarono i fasci di combattimento e poi il partito fascista che, per paura della rivoluzione leninista, convincerà molti italiani. Cent’anni dopo è giusto riconoscere le ragioni di chi quella guerra voleva evitare, ma è giusto anche sottolineare la buona fede di quanti vi parteciparono e l’eroismo che li animò. L’Italia vinse una guerra grazie al sacrificio di tanti giovani che meritavano di essere onorati anche da chi non voleva parteciparvi.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Mio zio morì a 16 anni, affondato col sottomarino di fronte a Valona. La sua foto finì nella cassa di mia nonna, Durante i primi dieci anni della mia vita, lo zio Primo, dalla sua foto esposta nel salotto di casa, giovinetto, mi guardava, come fanno certe foto che da qualunque parte tu le osservi gli occhi sempre ti seguono.
    La storia spiega i motivi e le ragioni degli eventi, ma non li giustifica. Essere vessilliferi della pace non è così facile come sembra: oltre al cervello bisogna metterci il cuore.

  2. caro direttore, sono friulano vedo spesso i gradoni di Redipuglia coi loro 100.000 morti e conosco i musei della Grande Guerra coi loro reperti agghiaccianti. Proprio per questo-come nella tradizione più pura del socialismo italiano -rispetto i sacrifici di quei nostri soldati-contadini e di quelli dell’altra parte.
    Ma non accetto il tentativo borghese di edulcorare una guerra interimperialistica già nelle sue premesse politiche. Non è pacifismo sciocco (noi siamo i difensori anche della guerra di popolo della Resistenza): la strage fu veramente grande e basta rileggere cosa dicevano qualche tempo dopo scrittori già interventisti come Ungaretti. C’è chi obietta in questi giorni del centenario- che non dobbiamo guardare al 1915 con la logica europea di oggi. Ma anche leggendo quegli avvenimenti con gli occhi di allora era chiaro che nel coacervo di fermenti europei una minoranza interventista agitata da miti irrazionali si fece usare dai signori della guerra. Io resto dell’idea di Turati e di Gramsci. Anche per le terre irredente si poteva ottenere ‘parecchio’ senza entrare in guerra. Invece il nazionalismo vinse e noi qui ai confini orientali fummo testimoni del fascismo ante litteram e di quello che successe sino al 1954.

  3. Caro Mauro, è stato un piacere rivederti a Reggio e ancora una volta ti faccio i più sinceri complimenti per la lucidità dei tuoi commenti alle tormentate vicende di ieri e di oggi. So che le nostre risorse sono praticamente inesistenti ma perché non raccogli i tuoi più significativi articoli in un volume magari anche da consultare solo on line così che i compagni abbiano sottomano una raccolta, anno per anno, delle tue riflessioni sulla storia passata e sull’attualità. Credimi sarebbe molto utile in particolare su quanto è avvenuto in passato secondo il vecchio detto che capeggiava su tanti fogli socialisti “perché i vecchi ricordini e i giovani sappiano”. Un abbraccio, Enzo Collio.
    enco@virgilio.it

  4. L’analisi del Direttore fa capire molto bene quanto siano stati difficili e tribolati, oltre che tragici, quegli anni, che hanno segnato a lungo la storia del novecento, e mi sembrano inoltre molto appropriate le parole con cui conclude queste sue righe, onorando, a cent’anni da quel 24 maggio 1915, la memoria di quanti ebbero a sacrificare allora la propria vita.

Lascia un commento