martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cile. Maria Isabel Allende
a capo del partito socialista
Pubblicato il 20-05-2015


Isabel Allende eletta presidente del Partito Socialista del Cile

Isabel Allende eletta presidente del Partito Socialista del Cile

Da sempre in politica, classe 1945, Maria Isabel Allende è la nuova leader dei socialisti cileni (Ps). Senatrice, figlia dell’ex presidente Salvador Allende – e cugina di secondo grado della nota scrittrice – Allende è la prima donna a guidare il Ps nella lunga storia del partito, fondato 82 anni fa. Alle primarie ha ottenuto il 58% dei voti, sconfiggendo così uno degli esponenti più noti del partito, Camilo Escalona. Allende – che guiderà il partito per i prossimi quattro anni – nel 2014 è stata la prima donna a presiedere il Senato cileno e, secondo un recente sondaggio diffuso a Santiago, è il politico più candidatura alle presidenziali previste nel 2017. L’attuale presidente Michelle Bachelet è infatti stata colpita da uno scandalo che ha coinvolto suo figlio e la moglie di quest’ultimo, ma la neo-eletta presidente del Ps – sua grande amica – ha preferito non affrontare un tema così delicato con la stampa. 

LA NEOELETTA: UN ONORE – “È  un onore assumere la funzione di presidente del Partito socialista cileno, ed essere la prima donna a dirigerlo nei suoi 82 anni di esistenza” ha detto la donna poco dopo la vittoria alle primarie. “Quando la politica si indebolisce è il popolo che soffre, perché perde l’unico strumento per il cambiamento sociale che ha tra le mani. So che c’è sfiducia nei confronti delle autorità – ha aggiunto Allende – scetticismo nelle istituzioni e che i partiti sono impopolari”, precisando che “la strada giusta non è però quella di andare a casa. L’unica scelta che abbiamo è dare dignità alla politica”.

LA STORIA DEL ‘PARTIDO SOCIALISTA DE CHILE’ – Il Ps fu il partito dell’ex presidente del Cile, Salvador Allende, del quale fu co-fondatore nella primavera del 1933. In seguito al golpe del settembre 1973 – che fece salire al potere la dittatura del generale Augusto Pinochet – il partito socialista fu messo al bando (assieme a tutti gli altri partiti di sinistra) e si parcellizzò in vari gruppi che si riunirono nel 1990 quando nel Paese venne instaurata nuovamente la democrazia.

Siria Garneri 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ma non è troppo “vecchia” o forse perché è donna va bene lo stesso. Quando la smettiamo con il giovanilismo all’italiana che è un’altra faccia dei “reazionari”? Meno male che esistono Socialisti che ancora fanno i Socialisti e non liberali camuffati da socialisti.

Lascia un commento