sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Facebook e i giornali. Un app per leggere meglio
Pubblicato il 13-05-2015


Facebook-instant articleIl Social network blu si rinnova ancora e passa all’attacco…giornalistico. Facebook passa dal “rimbalzo” delle notizie grazie ai link che rimandano ai siti di news, agli articoli veri e propri, e quindi visibili sul proprio portale. Si Chiama “Instant article” ed è un’applicazione che arriverà nelle prossime settimane sull’app mobile di Facebook (si inizierà da iOS per poi estendersi agli altri sistemi operativi) e che permetterà di fatto di visualizzare gli articoli dei principali giornali internazionali senza uscire dal social network, un modo più rapido per leggere le notizie e commentarle.

Il gigante dei social network è riuscito a realizzare questa applicazione grazie a un lavoro sincronizzato con i giganti dell’informazione. Saranno nove, per il momento, i partner dell’iniziativa: il New York Times, National Geographic, BuzzFeed, NBC, The Atlantic, The Guardian, BBC News, Spiegel e Bild. Il format conviene infatti per gli editori in quanto in questo modo avranno la possibilità di tenere per sé tutti i ricavi pubblicitari (se venduti con proprie risorse) o parte di essi (se venduti tramite Facebook).

Facebook, infatti, fornirà anche analisi dei dati di performance degli articoli che potranno essere utilizzati nei confronti degli investitori pubblicitari. Cosa ci guadagna allora la creazione di Mark Zuckerberg? Semplice, tenere gli utenti sul proprio portale e, se l’esperimento funziona, sempre più editori vorranno accedere e far parte dell’app. Non è un caso che, per esempio, per quanto ci siano state polemiche con Google sul “diritto di autore” gli editori sanno di non poter fare a meno del traffico gratis su internet. Nell’era della mobilità far parte “del recinto” serve ancora.

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento