domenica, 24 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Isis. Londra lancia l’allarme armi chimiche
Pubblicato il 25-05-2015


Londra-allarme IsisA poche ore dalla strage di Palmira, la minaccia del Califfato si palesa anche in Europa: la polizia anti-terrorismo della Gran Bretagna si sta infatti concentrando sulla “crescente minaccia” di un attacco con armi chimiche da parte dei cosiddetti  ‘foreign fighters’,  jihadisti britannici di ritorno da Iraq e Siria. Secondo fonti di sicurezza le bombe al cloro – sostanza facilmente reperibile nel Regno Unito – stanno diventando “armi chimiche di default” per lo Stato islamico dell’Iraq e della Siria (Isis). A lanciare l’allarme è il quotidiano britannico ‘The Times’ citando un rapporto dei servizi sugli jihadisti di ritorno dai Paesi dove hanno combattuto.

L’APPELLO DELL’ESPERTO – Il Colonello Hamish de Bretton-Gordon – uno dei principali esperti in tema di guerra chimica – ha allertato il governo perché si regoli in modo più severo la vendita di cloro che di solito viene utilizzata per disinfettare le superfici o depurare l’acqua delle piscine. Il cloro può essere fatale essere letale se inalato in ordigni fatti esplodere in luoghi affollati e al chiuso come stazioni della metropolitana o centri commerciali. Ciò che quindi desta maggiore timore e preoccupazione è il fatto che il cloro in Inghilterra si può acquistare in grandi quantità – fino a 90 tonnellate – senza licenza. E in Iraq i militanti realizzano bombe improvvisate al cloro, utilizzando parte dei frigoriferi.

MOGHERINI: USO FORZA NECESSARIO, MA NON RISOLUTIVO – Sulla minaccia dello Stato islamico è tornata a pronunciarsi l’alto rappresentante della Politica estera e di sicurezza Ue, Federica Mogherini secondo cui “l’uso della forza è necessario, ma non sufficiente, perché solo lo sviluppo di diritti e democrazia nel mondo arabo si potrà arrivare a una soluzione del conflitto mediorientale”. “A volte l’uso della forza si rende indispensabile – continua Lady Pesc – è stato così in passato e potrà essere così anche in futuro. Ma non è mai risolutivo”. “Pensiamo alla minaccia rappresentata dal gruppo terroristico che si fa chiamare Stato islamico, Daesh. Una grande coalizione internazionale – Paesi arabi e occidentali insieme – si è mossa per fermare il suo progetto di conquista territoriale. Un progetto che unisce un’ideologia perversa e apocalittica, vendette settarie, la volontà di controllare immense risorse economiche. Un progetto di distruzione che usa la religione – una nobile religione – per uccidere i suoi stessi fedeli in una banale quanto crudele lotta di potere”, ha ricordato l’ex ministro degli esteri italiano. Tuttavia, ha precisato, “la risposta militare è una scelta necessaria, ma non sufficiente”. Per sconfiggere il Califfato, secondo Mogherini, sarà necessario affrontare “le cause profonde” della sua ascesa. “Solo – ha elencato – se l’Iraq sarà un paese solido, inclusivo e democratico. Solo se la Siria si avvierà finalmente sulla strada della della transizione politica e della riconciliazione nazionale. Solo se sapremo mostrare e dimostrare che parole come diritti, sviluppo e pace non sono privilegio di pochi, nel mondo arabo come in Europa e nel resto del mondo”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento