mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le contraddizioni lessicali (ma non solo)
Pubblicato il 27-05-2015


Dunque Fitto ha inventato i “Conservatori riformisti”. Qualifiche che dovrebbero essere opposte e inconciliabili. Almeno concettualmente. Ma la politica ci ha abituato a superare la vecchia “contraddizion che nol consente” di aristotelica memoria. Negli anni settanta Berlinguer aveva definito il Pci come “partito conservatore e rivoluzionario”. Superando perfino, nella contraddizione estrema, quella che si attribuisce il mancato erede di Berlusconi. Il quale ultimo, proprio ieri sera in televisione, ha illustrato il suo progetto della Casa dei moderati, facendo appello anche a Salvini, che tutto può essere definito tranne che moderato. Amico e fratello di Marine Le Pen, dovrebbe spiegarle bene questo aggettivo così aborrito in Francia.

Possiamo anche continuare. Il Nuovo centrodestra fa parte di una coalizione col principale partito avversario del centrodestra. E il buon Alfano, così acido nei confronti di Berlusconi, che ricambia accentuando i toni, dovrebbe poi accettare o di far parte della casa, cioè della lista, dei moderati che si è battuta contro il governo di cui fa parte, o di assumere una collocazione contro il centrodestra del cui nome si avvale. D’altro canto il Partito democratico, unico che si definisce in questo modo in tutta Europa, fa parte del Partito socialista europeo. Dunque è un partito socialista in Europa, ma non in Italia. Passata la frontiera si trasforma in partito americano. Cogli ex comunisti, divenuti socialisti nel 1992, scavalcati sull’adesione al socialismo europeo proprio dagli ex democristiani.

Che dire poi della minoranza del Pd, che si trasforma in partito nel partito? Cioè in partito che solo formalmente non c’è, perché altrimenti perderebbe ogni influenza. E dell’atteggiamento della maggioranza renziana, che non può espellere nessuno altrimenti rischia la crisi di governo? E che dire del movimento Cinque stelle che si auto attribuisce una superiorità morale rispetto agli altri? In nome forse della già sperimentata diversità di origine berlingueriana. E della nuova Lega che da secessionista oggi è divenuta nazionalista in odio agli immigrati e agli zingari?

È il momento delle felpe. Che sono sia di destra (con Salvini) sia di sinistra (con Landini). Opposti estremismi, si diceva una volta. Adesso solo felpalmente omogenei. Non ci resta che l’Europa che non c’è. Mentre la Grecia crolla importiamo il mito di Tsipras (è la prima volta del mito di un greco dopo quello di Platone) e mentre la Spagna rischia di seguirla, aggiungiamo quello di Iglesias. Possibile? Possibile, annuncia Civati con maglietta stile Dolce e Gabbana. Mi viene un fondato dubbio. Che la confusione politica italiana non sia solo lessicale …

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Mauro, mi hai fatto venire in mente una vecchia canzone di Guccini, “La Genesi”: “Fai un po’ vedere, cos’è che hai scritto? “Il libretto rosso dei pensieri di Lucifero”? Ah bella roba il “Il libretto rosso dei pensieri d Lucifero”! Ma cosa vuol dire di sinistra, di sinistra? Non sono un socialdemocratico anch’io? Avanti al centro contro gli opposti estremismi!”. Ecco, poteva essere parte di un dialogo di qualche tempo fa, colto al volo durante una direzione PD, tra Renzi e Civati… Il punto, secondo me, è che ormai, in questo Paese, siamo troppo abituati ad usare le parole per il loro suono, non per il loro significato. E purtroppo l’Italiano è una lingua molto bella, molto musicale e drammaticamente ricca di parole… Ad maiora!

  2. Caro Mauro
    Un re di Spagna ( non ricordo quale) chiese ad un suo ministro ( e anche quì non ricordo quale ) “que pasa caballero” che succede cavagliere ? Risposta ” faltan cabezas segnor ” mancano le teste.”
    Ecco in Italia non ci mancano le felpe ma le teste.
    E’ ora dei socialisti che fanno i socialisti.
    Fraterni saluti Compagno Maurizio Molinari off.molinari@libero.it

Lascia un commento