lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’etica del movimento
di Giovanni Boldini
in mostra a Forlì
Pubblicato il 11-05-2015


Boldini ForlìVolti diafani, abiti sericei e flessuose figure dai contorni allungati, che, in bilico sulla tela, come taglienti e improvvise lame di colore, squarciano quella sottile cortina tra la realtà dello spettatore e dell’artista: è questa la cifra stilistica di Giovanni Boldini, il pittore ferrarese che sull’etica del movimento e del divenire ha fondato tutto il suo genio. Amato e discusso dai contemporanei, di lui si poteva dire “non è né un creatore, né un poeta, si può persino dubitare che sia un pittore” e allo stesso tempo “Goya non ha colto in modo più suggestivo [di Boldini] l’enigma di un bel viso”, fino a consacrarlo come “il più grande pittore del secolo scorso”. I Musei San Domenico di Forlì omaggiano il pittore ferrarese con “Lo spettacolo della modernità”, la più grande retrospettiva a lui dedicata – curata da Fernando Mazzocca e Francesca Dini – visitabile fino al prossimo 14 giugno. Più di duecento opere in mostra tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni valorizzano la sfaccettata attività creativa di un’artista che disegnava ovunque, perfino sulle tovaglie e sui tovaglioli dei ristoranti.

La rassegna percorre la lunghissima e variegata carriera di Boldini: dagli anni fiorentini a contatto con i Macchiaioli, caratterizzati dalla produzione di piccoli dipinti di straordinaria originalità che rinnovarono la concezione del ritratto macchiaiolo, fino al definitivo trasferimento a Parigi, dove si affermerà come principale cantore della vita mondana e culturale della capitale francese. BoldiniAccusato di superficialità dalle nascenti Avanguardie e di mirare a compiacere le signore e i signori alla moda con una pittura che appariva più “industria” che arte, l’artista ferrarese fu completamente dimenticato con l’arrivo della Grande Guerra e la fine dell’era dei dandies e delle sensuali “femmes-fleurs”. Boldini possedeva in realtà il sentimento dell’intuizione dell’epoca a lui contemporanea, la grandiosa capacità di comprendere quel mondo chiassoso e accecante, il mondo degli sfrenati Cafè e degli eleganti salotti. Qualità che il pittore Telemaco Signorini, uomo avaro nel dispensare apprezzamenti, non tardò a riconoscere e che trovano la loro massima espressione in quei ritratti mondani, soprattutto femminili, divenuti icone di un’epoca-la Belle Époque– ingenuamente proiettata a un futuro che non tarderà a rivelare le sue tragicità.

Melissa Aglietti

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento