mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lo scandalo de “L’Unità”
Pubblicato il 11-05-2015


Nella lunga, tortuosa, e aggiungo anche scandalosa, vicenda de “L’Unità”, sottolineiamo, di passaggio, aspetti storico-politici per addentrarci poi in talune considerazioni economiche e anche morali, alla luce della ricostruzione del recente servizio di Report della brava Gabanelli. Continua a stupirmi la superficialità e la strumentalità dell’uso del giornale fondato da Gramsci. Si continua a sostenere che si tratta di un foglio storico della sinistra italiana, mentre “L’Unità” è stato il quotidiano del Pci, tanto che dopo la svolta dell’Ottantanove Occhetto pensò di cambiare il nome anche al giornale e non solo al partito. Che Renzi prometta di rilanciarla come quotidiano più o meno di partito è assai contraddittorio con l’esplicita natura del Pd, partito socialista in Europa e democratico in Italia. Anche se l’annunciata resurrezione si rivela utile per suscitare simpatia nella base di un partito che si intende conquistare, decapitando, nel contempo, i più naturali eredi della storia di quel giornale.

L’aspetto più inquietante è quello economico. Complessivamente “L’Unità”, dal 1994 ad oggi, ha cambiato diverse proprietà, l’ultima quella affidata al famoso cane Gunter, in realtà Maurizio Mian, il facoltoso ex imprenditore farmaceutico, che avrebbe intestato al suo cane (ma è una gustosa storiella) più di cento di milioni di euro, e che ha versato a “L’Unità” 10-12 milioni in pochi anni in cambio di un appoggio politico per un cosiddetto piano della comunicazione tendente alla “felicità alternativa”. Da stropicciarsi gli occhi. Un misto tra Playboy e il vecchio Owen. L’ultimo editore, Veneziani, che con la sua vecchia società ha accumulato un sacco di milioni di debiti, ha licenziato alcuni dipendenti solo per forzare la mano ai sindacati. Ha poi confidato che la linea del giornale sarà vicina a quella del presidente del Consiglio. Ci mancava..

Ma la cosa più impressionante è che, dopo il fallimento (“L’Unità” ha accumulato una media di circa 5-6 milioni di passivo l’anno dal 2000) i giornalisti siano stati chiamati in causa direttamente in mancanza di un editore. A Concita De Gregorio è stata pignorata la casa e ad altri è successa la stessa cosa, mentre il partito si è voltato dall’altra parte. Non c’entra il Pd? Ma nello statuto del giornale il Pd, pur socio solo per lo 0,1 per cento, risulta determinante per la nomina del direttore, del vice direttore, del presidente e dell’amministratore. Come dire, un socio di minoranza parecchio assoluta. Lo testimonia l’ultimo proprietario del fallimento, espressione dell’ex governatore sardo Soru, Fabrizio Meli, che sostiene che nulla si potesse fare senza il consenso del partito. L’avremmo intuito da soli…

Ma la cosa diventa ancora più delicata se si ritorna al 1994 quando la società che amministrava il giornale comunista (l’Unità spa) lasciò oltre 125 milioni di debiti. Seguite bene la trafila perché ne vale la pena. Essendo questa società di proprietà del Pds, il partito fu obbligato ad accollarsi i debiti, ottenendo una rateizzazione. E iniziò a pagarli. Nel 2007, però, entrò in pista l’arguto Sposetti che blindò tutto il patrimonio del Pci-Pds-Ds in una fondazione e, in base a una norma voluta dal governo Prodi nel 1998, i 110 milioni del debito fino al 2001 vennero ereditati dalla presidenza del Consiglio. Cioè dagli italiani. Un debito di 110 milioni di un giornale di partito, che ha avuto complessivamente oltre 60 milioni di provvidenze pubbliche, viene così riversato sui cittadini. Ci torneremo su questo argomento, anche perché l’Avanti è stato chiuso nell’indifferenza generale senza che un solo soldo gravasse sullo stato. Anzi non gli vennero concessi neppure quelli dovuti. Lo avvertiamo come un dovere morale per rispetto della nostra testata e della nostra storia, per ristabilire verità e giustizia.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Care/i compagne/i

    Riflettiamo molto su questo articolo del nostro direttore.
    Riepilogandoci la vicenda Unità,ci fa il ritratto preciso di quello che è il PD, di quanto vale la sua supponenza , di quanto vale per loro il detto ” leleggi per gli amici dei interpretano per tutti gli altri si applicano” esopratutto in che mani si affida l’Italia, per uscire da questa palude in cui siamo finiti, quale credibilità hanno le solenni dichiarazioni del nostro capo del governo.
    La domando che dobbiamo farci però e questa , perchèil Pd non viene travolta da una ondata di sdegno? Perchè è percipito come la sola alternativa, anzi percvhè si giudica che non ci sono altre alternative.
    Per questo noi Socialisti abbiamo il dovere di raggruppare ,ma sotto la nostra bandiera ,l’Italia di sinistra e tutta quella che non ci stà al pertpetuarsi della politica del gattopardo, del tutto cambi perchè nulla si cambia.
    Fraterni Saluti
    compagno Maurizio Molinari – consigliere nazionale off.molinari@libero.it
    alla politica del gattopardo , che tutto cambi perchè nulla cambi

  2. Caro Mauro, oltre al coraggio hai dimostrato ancora una volta l’amore per la verità.
    Sarà certamente opportuno ritornare sull’argomento.
    Detesto chi manipola gli avvenimenti a proprio uso e consumo. Purtroppo il potere è dalla loro parte e riesce a giustificare con provvedimenti ad ok ogni nefandezza.
    Coraggio, andiamo avanti su questa strada!

Lascia un commento