mercoledì, 20 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Navetta Progress.
Flop aerospaziale russo
Pubblicato il 04-05-2015


Navetta ProgressSpecialisti Nasa e dell’agenzia aerospaziale russa avvertono che la Navetta Progress, a causa di un’esplosione avvenuta al momento del distacco, precipiterà sulla Terra tra il 7 e l’11 maggio. Interfax, una fonte russa vicino all’inchiesta in corso, spiega che “la nuvola di frammenti e detriti si sarebbe formata in seguita a un’esplosione al momento del distacco”. Martedì 28 aprile era stata lanciata la navetta spaziale senza equipaggio Progress M-27M e avrebbe dovuto raggiungere l’ISS (Stazione orbitante internazionale) dopo sei ore. La spedizione era una delle tre/quattro previste ogni anno per rifornire la Stazione spaziale con cibo, acqua carburante e materiale scientifico. Dopo il distacco dal Sojuz Progress, la navetta ha imboccato l’orbita sbagliata.

Ora la preoccupazione degli analisti americani e russi è una: dove e quando precipiterà? L’emergenza sta facendo cooperare diverse agenzie dei due paesi per arginare e limitare i danni. L’astronauta americano Scott Kelly, dalla Stazione spaziale, fa sapere che: “dovrebbe andare tutto bene”, mentre il collega russo, Mikhail Kornieko, si dice “preoccupato”. Inoltre, Igor Komarov, il capo dell’Agenzia spaziale russa Roskosmos, ha parlato di un danno economico parti a 2 miliardi e 589 milioni di rubli, cioè 46 milioni di euro.

L’Agenzia spaziale europea concorda con la Nasa e la Roskosmos, stabilendo la data della caduta del velivolo spaziale tra il 7 e l’11 maggio, proprio in coincidenza delle celebrazioni del 70esimo anniversario del Victory Day, il giorno della vittoria dell’Armata russa contro le truppe nazifasciste. Gli esperti rassicurano però che probabilmente i resti della navetta precipiteranno lontano dalle zone abitate. Uno smacco imperdonabile per l’era dello Zar Putin.

Manuele Franzoso

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento