lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 15-05-2015


Idrocarburi: Pastorelli (Psi), direttiva Ue tutela ambiente e salute cittadini

“L’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del dlgs recante l’attuazione della direttiva Ue sulla ‘sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi’ dimostra la grande sensibilità del governo nei confronti dell’ambiente. Fissare degli standard di sicurezza, riducendo le probabilità di incidenti gravi, tutela i nostri mari senza pregiudicare la pesca, il turismo e la salute dei cittadini. Un provvedimento che attendevamo da molti anni e che rappresenta un’ottima notizia per il futuro dell’Italia. Il rilancio del nostro paese passa inevitabilmente dalla salvaguardia ambientale. E l’approvazione di questa direttiva, che accolgo con soddisfazione, costituisce un passo concreto verso tale direzione”. Lo afferma in una nota Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente della Camera.

Reggio Emilia – Assemblea iscritti PSI

Si è tenuta presso il Centro Sociale Buco Magico un’affollata riunione degli iscritti Psi del comune di Reggio Emilia. In tale riunione, presieduta da Primo Medici, aperta dal segretario comunale Roberto Pierfederici e conclusa dal segretario provinciale Gianluca Soliani, si sono avvicendati importanti interventi, tra cui quello del direttore dell’Avanti! Mauro Del Bue sulla situazione politica nazionale e comunale.

Per quanto riguarda il dato locale, molto si è insistito sul fatto che sarebbe necessario uscire dalle attuali incertezze che segnano questo primo anno d’attività della giunta comunale di Luca Vecchi.

Con forza si avverte la necessità di non aumentare ulteriormente le tariffe ed i tributi comunali, iniziando da quelli relativa ai rifiuti, per cui occorrerebbe privilegiare la raccolta differenziata tradizionale, ma non la costosissima e discutibile raccolta porta a porta.
È anche urgente agire con determinazione per il recupero e la valorizzazione del patrimonio edilizio cittadino, spesso lasciato in stato indecoroso, soprattutto nel centro storico, e per la sicurezza reale dei cittadini, a partire dai parcheggi fino a zone particolarmente sensibili quali le ex Reggiane, che non possono essere lasciate alla mercè di sbandati e malfattori.
Il Psi reggiano sostiene con convinzione le ragioni del Comitato che sta battendosi meritoriamente per la salvezza delle Fiere reggiane e chiede a tutta la città un piano progetto di emergenza per acquistare i capannoni di Via Filangieri e continuare l’indispensabile e preziosa attività fieristica locale.
La riunione degli iscritti Psi ha anche eletto un comitato esecutivo comunale composto da Amendola Raffaele, Banfi Enrico, Boschini Francesco, Burani Amedeo, Camesasca Giordano, Consolini Lucio, Davoli Valdo, D’Antonio Giuseppe, De Luca Daria, Fontana Livio, Giovanetti Stefania, Morellini Fabio, Pierfederici Roberto, Rocco Alessandro e Stanghellini Zeno.
(Roberto Pierfederici – segretario comunale Psi Reggio E.)

Salerno, 14 maggio – Regionali, presentata lista da Di Lello e Nencini
Presentata la lista PSE alla stampa, dei candidati alle regionali in Campania, alla presenza dei vertici della vecchia guardia socialista: Antonello Scuderi, Marco Di Lello, Riccardo Nencini.

Accanto a Silvano Del Duca che, nell’introdurre i relatori, ha rimarcato il forte impegno per vincere la competizione, accanto al candidato governatore Vincenzo De Luca, per un nuovo corso regionale, antitetico all’immobilismo della Giunta Caldoro, connotata da inefficientismo nella gestione perfino dei finanziamenti europei, restati inutilizzati.
”Una partita sempre aperta, quella dell’anima socialista, che presente in ogni competizione -Scuderi- ha sempre dato segni d’impegno. Con la lista forte di 6 maschi e 3 donne approntata, speriamo di farcela ad occupare un seggio di maggioranza accanto a De Luca, che ha mostrato di saper essere ottimo amministratore in molte occasioni.” “Socialisti sulle tematiche a tappeto – Di Lello – Sanità, Trasporti, Ambiente, con un programma che intende riscattare la Campania, con un candidato governatore vincitore delle Primarie.” E che ora pone mano alla Campania, regione strategica nel panorama nazionale, insieme alla Puglia.
“Il testa a testa Caldoro-De Luca- ha concluso Nencini- richiede sforzo, in primis per debellare l’astensionismo, il vero pericolo di quanti non credono più nell’efficacia del proprio voto, per mutar le sorti politiche. Insistere nel chieder consensi, fino all’ultimo giorno! Per i tanti problemi, andrebbe costituito un osservatorio regionale, un centro di formazione, per offrire lavoro alle eccellenze degli atenei. Ci stiamo battendo anche sul fronte della scuola: grazie a noi, 5000 posti di lavoro in più per i precari. Ma anche in altri campi le nostre battaglie all’ordine del giorno. pertanto, in Regione, vogliamo poter continuare ad influenzare il tavolo programmatico, per il benessere del territorio!”

Rita Occidente Lupo – da DentroSalerno

Gargano PSI: “Il Partito Socialista per le Regionali ha offerto rinnovamento”
A poco più di due settimane dal voto, che il 31 maggio prossimo sanciranno o riconfermeranno il nuovo Governatore della Regione Campania ed insieme a lui il Consiglio Regionale, parla il candidato sannita del PSI, Daniele Gargano.

“Le elezioni regionali del 31 maggio rappresentano un punto fondamentale per questa regione e per il nostro Sannio. Come abbiamo ribadito più volte, la Campania non può permettersi altri 5 anni di mal governo come quello appena terminato di Caldoro”. Sono le parole del candidato Consigliere alla Regione Campania tra le fila del PSI, Daniele Gargano che poi precisa “un quinquennio – quello della Giunta Caldoro – vissuto nell’immobilismo più totale che ha fatto scivolare questa terra sul fondo del baratro, dal quale siamo obbligati a risalire”.

Dopo l’attacco al Governatore uscente giunge anche il momento dei programmi e delle proposte, non prima di aver analizzato il fenomeno del voto e dell’astensionismo.

“Per fare questo – spiega il candidato PSI – ci sentiamo pronti e sicuri di poter recitare un ruolo da protagonisti sulla scena politica regionale, in cui stiamo mettendo in campo il nostro valore su alcuni temi che ci stanno particolarmente a cuore in un territorio dalle 1000 criticità. Ciò che personalmente mi sconvolge – continua – è che il sentimento di anti-politica e gli schiaffi raccolti in termini di astensionismo negli ultimi anni, a nulla sono serviti, in quanto sembra che nulla sia cambiato. La campagna elettorale sta entrando nel vivo nella ricerca del voto, ma delle tante vertenze ancora in campo riscontro un silenzio imbarazzante. Quindi mi aspetto una campagna elettorale fondata sulla risoluzione dei problemi, sulle forti problematiche avvertite dalla gente, e non su fredde quanto banali apparizioni mediatiche. C’è da restituire una dignità a questo popolo, c’è da restituire nuova linfa vitale ad una provincia dalle mille risorse mai e mal sfruttate”.

“C’è da risolvere – dice ancora Gargano – l’annoso problema delle aree interne, di cui tutti si riempiono la bocca cercando di farne slogan elettorali, dimenticandosi che la maggior parte di loro ha vissuto fianco a fianco con chi negli anni ha provveduto a cancellare Benevento ed Avellino dalla cartina geografica ed è quindi complice diretto. C’è da far capire a quelle persone che il 31 maggio si recheranno alle urne, in che modo chi rappresenterà questa provincia in regione, si farà carico delle istanze dei cittadini”.

Passaggio critico anche quello rivolto agli altri partiti concorrenti in questa tornata elettorale.

“Ciò che continuiamo a leggere è il continuo scontro fra esponenti di partiti diversi, o talvolta scontri interni alle coalizione, conditi da beghe personali e pettegolezzi che la gente ha dimostrato di non apprezzare negli anni. Sarebbe maggiormente corretto offrire ai cittadini un dibattito sano ed efficace, piuttosto che vedere questa inutile quanto dannosa corsa alla poltrona, ma d’altronde chi ha fatto di questa filosofia un credo politico negli ultimi 20 anni, non vedo come possa cambiare in 20 giorni”.

“Sperando – conclude – che la gente sappia riconoscere la qualità politica e il vento di rinnovamento che il Partito Socialista ha offerto in vista di questo scontro alle urne”.

da ilQuaderno.it

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento