mercoledì, 20 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Premi TV 2015. 
Padroni De Filippi e Conti,
che incassa 4 statuette
Pubblicato il 28-05-2015


Maria De Filippi e Carlo Conti vincitori del Premio Tv 2015

Maria De Filippi e Carlo Conti vincitori del Premio Tv 2015

Tornato, come ogni anno, il Premio TV 2015: 55esimo Premio Regia televisiva. Un’edizione che vede protagonisti assoluti due conduttori diventati ormai icona della televisione italiana: Carlo Conti e Maria De Filippi. Il primo ha colto l’occasione per festeggiare i suoi trent’anni in Rai. La seconda, che con un filo di commozione ha confessato di dovere tutto a Maurizio Costanzo cui ha dedicato i premi ricevuti, è stata omaggiata in più modi. Con un video di Alessandra Amoroso che l’ha definita “la mia mamma famosa”, dicendole che lavora troppo e confessandole “apertamente” il suo affetto.

Con un altro dei Dear Jack che, senza mezzi termini, hanno affermato: “è talmente testarda che è impossibile farle cambiare idea”. E di Moreno che ha detto che il suo pregio e il suo difetto più grandi sono, al contempo, di lavorare troppo, ma ciò indica “che sa quello che fa”; e poi si è intrattenuto in un’improvvisazione di un brano rap inventato sul momento. Maria è molto stimata ed amata e sta al gioco. Con Frizzi si diverte anche a raccontare la sua giornata tipo: si alza verso le ore 7:30 circa, fa colazione, va a giocare a tennis per sfogarsi, “senno’ sarei intrattabile” scherza (e ride), poi va al lavoro fino alle 21:30-22 di sera. Fortuna che ha tutto vicino in un luogo. Ha voluto condividere il premio “con tutte le donne in sala e a casa che lavorano con passione come me”.

Sono loro (Conti e De Filippi) il personaggio maschile e femminile dell’anno. E sono i loro programmi a dominare la scena televisiva. Troppo forti per non tornare a vincere gli Oscar della TV. La parte più divertente e originale è stata un’intervista a due a questi conduttori che, carinamente, si sono resi disponibili. Conclusasi con un quasi scoop. Alla domanda dell’abile presentatore Fabrizio Frizzi, la cui conduzione è stata apprezzata da molti, se fossero disposti a fare un programma insieme entrambi hanno risposto con un semplice “certo!”. E noi replichiamo con uno “speriamo!”, perché insieme loro due possono fare grandi cose, dall’alto della loro serietà e professionalità. Hanno esperienza a sufficienza per cimentarsi in ogni tipo di trasmissione. E subito, a tale proposito, il pensiero è andato a Sanremo. L’ultimo Festival è stato premiato con una statuetta, la prima delle quattro di cui ha fatto incetta Carlo Conti.

Il presentatore ha commentato esclamando semplicemente che “il difficile sarà replicarsi il prossimo anno”. Una sfida che raccoglierà sicuramente ed è strano, infatti, che Frizzi non gli abbia chiesto novità sulla sua possibile conduzione del Festival anche nel 2016. Maria De Filippi non ha declinato l’ipotesi. L’idea non le dispiacerebbe, ma c’è da mettere d’accordo le due reti concorrenti per cui lavorano: lei dovrebbe passare in Rai per poter condurre il Festival, come fece Paolo Bonolis anni orsono. E se sono stati definiti “la coppia perfetta” per guidare la kermesse sanremese, Frizzi ha concluso con un esplicito “e con questa nuova trattativa aperta in corso si chiude la serata” della 55esima edizione dei Premi TV. Rai e Mediaset sono avvisate. Bilancio positivo per Frizzi che ha ricordato, con autoironia, quando fu egli stesso tra gli allievi ballerini di “Ballando con le stelle”; si è poi cimentato coi cuochi professionisti di Masterchef Italia nella prova di segnare il record del maggior numero di patate pelate in un minuto. Conduzione ben riuscita anche grazie all’intervista a due a Conti e alla De Filippi. Il primo ha detto di apprezzare “la forza, l’energia, l’intelligenza, la tenacia nel lavoro” della conduttrice. La presentatrice ha rivelato di ammirare “l’educazione, il garbo, la sobrietà, la gentilezza e la modestia” di Conti. Se lui vorrebbe condurre Amici, alla De Filippi piacerebbe essere alla testa di “Tale e quale show”. Se quest’ultima si fa commuovere dalle persone anziane, il conduttore toscano si lascia emozionare da un tramonto, dallo sguardo di un bambino e dagli anziani.

L’altro momento alto della serata è stata l’esibizione di Serena Rossi, che ha interpretato l’impegnativa canzone di Withney Houston “We’ll always love you”, con cui ha vinto l’ultima edizione di “Tale e quale show”, altro programma premiato con un Premio TV e che è stato eletto trasmissione dell’anno dal televoto. Il programma ha saputo unire la certezza di un successo consolidato, ma dando un tono di freschezza, poiché non è giunto alla serie di edizioni infinitesimali di altri ormai divenuti storici, alla novità di una trasmissione comunque ancora recente e in crescita, sebbene abbia saputo subito catturare il riscontro del pubblico. I suoi numeri parlano chiaro e sono da record: tra i 300 e i 400 costumi realizzati; circa 600 trucchi speciali creati; circa 143 personaggi imitati. Cos’altro aggiungere? Un Oscar della TV incassato meritatamente dunque. Programma evento dell’anno è stato eletto con la consegna a Roberto Benigni di un premio per “I Dieci Comandamenti” da parte di Daniele Piombi (ideatore dei Premi TV). New entry a giusto titolo è stata la fiction dell’anno “Braccialetti Rossi”. Premiata da Nicoletta Mantovani con la motivazione di aver insegnato e comunicato “la forza di credere nella vita anche nei momenti più difficili e dolorosi”. “Un’esperienza fenomenale, in crescita con l’arrivo di nuovi personaggi, che ci fa sentire più uniti”, ha commentato Carmine Buschini (Leo, il leader). “Questa fiction mi ha insegnato molti valori della vita, ma soprattutto quello della condivisione. Certe scene erano talmente intense e forti emotivamente, che era veramente dura trattenere le lacrime”, ha aggiunto e confessato spontaneamente Mirko Trovato (Davide, il bello). “Il successo è dovuto anche al supporto di Giacomo (Campiotti ndr), che ci ha sempre sostenuto e ci ha aiutato ad entrare nella verità della vita reale delle persone”, ha proseguito Aurora Ruffino (Cris, la ragazza). “Il successo è merito di questi attori straordinari”, ha ringraziato Campiotti annunciando le riprese della nuova serie per regalare altre emozioni, altri sorrisi e altre lacrime. E dedicando il premio a Letizia, una fan che di recente ha perso la madre e ha scritto ai suoi beniamini quanto l’abbiano aiutata in questa fase difficile della sua esistenza. “La fiction si ispira a storie di persone che ci circondano, che abbiamo vicine. Quello trattato non è un tema di moda, ma molto attuale”, ha precisato Denise Tantucci (Nina).

Per il resto hanno trionfato trasmissioni ormai testate e confermate, la musica, i talent e i reality show. A partire da “Amici”, a “The Voice of Italy” (giunta già alla sua terza edizione), di cui si terrà la finale mercoledì 26 maggio prossimo; a “Masterchef Italia”; a “Ballando con le stelle” (che da dieci anni fa ballare big dello spettacolo e tutta Italia). Ma sono stati premiati anche programmi d’inchiesta e questo è stato un gesto simbolico importante dell’attenzione riposta anche all’attualità. Tra questi, ovviamente, non potevano mancare trasmissioni storiche quali “Le Iene Show”, “Striscia la notizia” (che ha festeggiato i suoi 27 anni di tenuta sullo schermo), ma ne compaiono anche di nuovi quale il premio speciale a TV 7 per i suoi reportage e “Pechino Express”.  Un premio speciale per il personaggio rivelazione dell’anno è stato consegnato a Frank Matano, direttamente da “Italia’s got talents”. Per “la risata più divertente”, ha scherzato Frizzi; e con un video ne sono riprodotte quelle migliori nei momenti più esilaranti. A sorpresa, però, nella top ten votabile si è inserito anche lo spettacolo di Massimo Ranieri “Sogno e son desto”, che ha saputo unire musica, teatro, musical, divertimento, intrattenimento e momenti culturali. Regalando una forte emozione facendo rivivere l’ultima esibizione di Pino Daniele.

Barbara Conti 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento