lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
Proposte perse per strada
Pubblicato il 04-05-2015


Vorrei anch’io dire, da semplice compagno ex sindacalista e pubblicista – iscritto al PSI da oltre 60’anni – un piccolo parere su quanto sta avvenendo nel Ns/ piccolo (semmai ancora esiste) partito. Conosco sufficientemente le linee sociali, del nostro partito per averle seguite in tutti questi anni. I Ns/ parlamentari (incominciando da Nencini segr. gen. – prima dell’evento – avevano dichiarato che la legge , definita Jobs Act (che metteva in palio i diritti dei lavoratori) non l’avrebbero votato, anche perché era una Legge voluta e conquista dal Ns/ partito nel 1970). Questo impegno è stato omesso. In queste settimane è venuta al pettine la LL Elettorale, proposta di LL. Renzi, – definita patto di Nazareno – stessa promessa che non avrebbe potuto avere i voti Socialisti. Invece ci siamo comportati peggio che i dissidenti diretti dello stesso PD.

Ho portato solo due esempi, di comportamenti scorretti e contro la tradizione del Socialismo alla Nenni e alla Turati. Sfido io, che il compagno Nencini ha detto, all’inizio della sua introduzione alla riunione dell’Attivo Regionale Lombardo del Partito – nel dicembre scorso all’H Mediterraneo di Milano – che “ il partito è morto nel 1992” di cui bisogna prendere atto. Naturalmente lo sapeva lui il perché, e gli intendimenti che c’erano dietro. Praticamente ora siamo di fronte ad un andazzo che non è più – sicuramente da Partito Socialista Italiano – siamo di fronte ad una cosa che sicuramente può definirsi umiliante per i veri Socialisti, i due casi citati e l’allegato che si riferisce alle riforme Nenniane, credo che lo dimostrano. Sono cose troppo importanti per sottacerle, anche perché stiamo – a mio parere, e non solo – svendendo tutta la tradizione Socialista.

In ultima analisi voglio chiedere, dove sono finite le proposte – che alla luce dei fatti, definirei propagandistiche di Nencini – quando diceva che ci voleva la LL. patrimoniale, e di tagliare le unghie ai finanziamenti, in gran parte occulti, alla Chiesa Cattolica ( vedi 8°% e le tasse che non paga sulle attività, enormI, di carattere commerciale). Dove sono finite tutte queste definizioni e impegni? Possiamo saperlo, oppure no?

Grazie dell’attenzione

Luciano Lunghi
Milano

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento