mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A. La Juve
campione d’Italia
Pubblicato il 04-05-2015


juve scudettoGrazie alla vittoria 1-0 sul campo della Sampdoria, la Vecchia Signora si aggiudica il quarto scudetto consecutivo con ben quattro giornate d’anticipo. Una vittoria ampiamente meritata, la risposta migliore di Massimiliano Allegri allo scetticismo generale nel momento in cui era stato chiamato la scorsa estate al posto di Antonio Conte. Da Tevez a Pogba, da Bonucci a Marchisio, solo applausi per la corazzata bianconera.

VIDAL GOL SCUDETTO – Bastava un punto alla Juventus per festeggiare matematicamente il quarto tricolore consecutivo, invece i bianconeri hanno ottenuto il bottino pieno allo stadio Marassi contro la Sampdoria (che tra le mura amiche non aveva mai perso) grazie alla vittoria 1-0 firmata da un colpo di testa di Arturo Vidal. Al fischio finale, grande festa in campo e negli spogliatoi per i giocatori di Allegri e contemporaneamente per i tifosi nelle strade di Torino. Buffon e compagni, tuttavia, non hanno esagerato nei festeggiamenti perché martedì la Juventus è attesa da uno degli impegni più importanti della stagione: l’andata della semifinale di Champions League contro il Real Madrid di Ancelotti e Cristiano Ronaldo.

I PROTAGONISTI – Sono tanti, o meglio tutti, i protagonisti di questa grande vittoria bianconera. Dopo il testa a testa iniziale con la Roma, il primato della Juventus non è stato mai messo in discussione. Merito, in primis, del tecnico Allegri, bravo a non stravolgere il lavoro precedente di Antonio Conte e ad inserire gradualmente le proprie idee (come la difesa a 4). C’erano tanti dubbi sul tecnico livornese, accolto con critiche e scetticismo dagli stessi tifosi bianconeri, così come c’erano perplessità sul rapporto con Andrea Pirlo dopo le incomprensioni ai tempi del Milan. Invece tutto è filato liscio: dai gol di Tevez, attualmente capocannoniere del campionato con 20 reti, all’eterna saracinesca Buffon. Bonucci si è dimostrato un grande leader difensivo, autore anche di gol pesanti come quello decisivo in Juventus-Roma, rendimento alto anche per Chiellini, Lichsteiner e la novità Evra. Pogba ha dimostrato di essere un fuoriclasse e resistere alle mega-offerte milionarie dei club esteri non sarà facile, anche se a centrocampo Allegri è già messo benissimo: nonostante qualche acciacco, Pirlo ha sempre le chiavi del gioco, Marchisio garantisce grandi prestazioni e duttilità, Pereyra e lo stesso Sturaro si sono dimostrati subito da grande squadra e Vidal, messi da parte i fastidi al ginocchio, è tornato ai soliti livelli. In attacco ci si aspettava qualche gol in più da Llorente, ma lo spagnolo non ha mai manifestato nervosismo, nemmeno quando gli è stato preferito il giovane Morata, che ha dimostrato di vedere benissimo la porta. Bravi anche Storari, Caceres, Ogbonna, Padoin e Matri, sempre pronti quando è stato il loro turno. Nota di merito anche per Barzagli, out per 2/3 della stagione per infortunio, ma che, una volta rientrato in campo, ha dimostrato subito di essere ancora una pedina fondamentale.

AS Roma v Genoa CFC - Serie A

SORPASSO ROMA – Intanto in campionato si registra il sorpasso della Roma ai danni della Lazio al secondo posto. I giallorossi hanno battuto 2-0 all’Olimpico il Genoa (gol di Doumbia e Florenzi), mentre i biancocelesti sono stati fermati 1-1 a Bergamo dall’Atalanta dell’ex Reja (reti di Biava per gli orobici e Parolo per gli ospiti). Netto successo 3-0 del Napoli sul Milan (gol di Hamsik, Higuain e Gabbiadini), mentre l’Inter non è andata oltre lo 0-0 a San Siro contro il Chievo. E’ tornata a vincere la Fiorentina grazie al 3-1 casalingo sul Cesena (doppietta di Ilicic e Gilardino per i viola, Rodriguez per i romagnoli). Colpo dell’Udinese che ha vinto 1-0 sul campo dell’Hellas Verona grazie a una perla di tacco di Di Natale, mentre è finita senza reti l’anticipo serale di sabato tra Sassuolo e Palermo.

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento