domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Acqua pubblica
tra slogan e spese
Pubblicato il 05-06-2015


APERTURA-acquaSono stati pubblicati a Reggio Emilia dati sconfortanti sulle spese per la costituzione di un ente esclusivamente pubblico per la gestione dell’acqua. Secondo questi dati servirebbero cento milioni per acquistare la rete, poi altri 25 milioni per l’avviamento e i primi investimenti per l’assunzione di 315 dipendenti, infine altri 70 milioni per mutui pregressi. Secondo lo studio di fattibilità la nuova società di gestione, simile alla vecchia azienda comunale, potrà agire solamente sulle bollette. Si prevedono aumenti del 4 per cento il primo anno e del 2 per cento per i primi anni successivi. Pura follia solo pensare a questa operazione, se i dati sono esatti. Tanto che si riporta la preoccupazione degli attuali amministratori, fondata, di creare un ente formalmente pubblico, ma sostanzialmente in mano alle banche. Dunque tutto privato.

Resta una semplice domanda. Perché coloro che si sono schierati apertamente per il si al referendum sull’acqua pubblica, in prima linea tutti gli attuali amministratori del Comune di Reggio, non ci hanno pensato prima? Comodo inseguire l’umore popolare e affrontare, scimitarra alla mano, la guerra ideologica del pubblico contro il privato profittatore. Personalmente avevo intuito dove ci avrebbe portato questa assurda lotta. Tanto che mi ero perfino dissociato dal mio partito su questo argomento. Continuo a pensare che mai come oggi più che la guerra ideologica del pubblico contro il privato serva la valutazione oggettiva della qualità del prodotto che si vende, in questo caso l’acqua, e del costo per il cittadino. Se noi arriviamo a fornire l’acqua come adesso e a far pagare di più le bollette commetteremmo un vero e proprio reato contro gli interessi della comunità. Dunque faremmo un’operazione anti popolare.

Magari da appendere alle pareti come un emblema, ma non certo da salutare come un’operazione che favorisca l’interesse del cittadino. Questo vale in generale, oggi, nel rapporto tra servizi e comunità amministrata. Il modo di concepire la bontà del rapporto tra un servizio e i cittadini non può più essere la sola modalità della gestione, ma la qualità del servizio e il suo costo. Sul primo e sul secondo serve non tanto l’assolutismo, quanto il controllo, del pubblico, affinché non emergano speculazioni a discapito della collettività amministrata. Questo dovrebbe essere il nuovo ruolo affidato a un ente pubblico.

Non tanto la gestione in solitario del servizio, quanto la capacità di orientarne le scelte, di verificarne l’efficienza, di fornire aiuto a chi non si può permettere nessuna spesa. Che i privati investano nel settore dell’acqua, per curare i mali cronici di una rete che produce dispersioni ancora assai elevate e costose, è un’opportunità da non sprecare. Se Iren è un ente oggi prevalentemente, ma non esclusivamente, pubblico, dovremmo chiederci, semmai, i motivi di un’abdicazione delle funzioni di controllo da parte dei comuni nei confronti di una casta burocratica oggi assolutamente dominante.

Questo, semmai, dovrebbe essere argomento di riflessione. Non delegare tutto il potere a una burocrazia spesso arrogante e che si ritiene autosufficiente, intervenire nelle sue scelte, favorire con l’azione la supremazia dell’interesse pubblico. Allo slogan dell’acqua pubblica sostituirei proprio il ragionamento sull’interesse pubblico nella gestione dell’acqua.

Mauro Del Bue

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ciao direttore,
    ma le reti da voi non sono di proprietà comunale ? Comunque il problema è lo stesso che abbiamo qui con HERA e aspettavamo anche le risultanze dei dati reggiani. Il tema merita una discussione ampia e approfondita che a casa nostra non è mai iniziata, per questo sono soddisfatto che l’hai fatto tu, aspetto ulteriori passaggi, perchè dopo l’estate i comuni devono decidere, per lo meno la provincia di Rimini.

  2. Direttore, nel tuo ragionamento manca un aspetto che andrebbe esaminato. Infatti accanto al costo della bolletta, che nell’attuale sistema di gestione tramite multiutility ( che sia IREN o HERA poco cambia ) cresce ogni anno e sarebbe interessante andare a vedere di quanto, ( se è più o meno delle previsioni fatte nello studio di fattibilità con una gestione pubblica ), esiste dicevo un altro aspetto del problema. Una seconda bolletta, ed è quella che il Comune, cioè tutti noi, paga al gestore. Ecco su questa ho pochi dubbi, che sia IREN o HERA ogni anno nel PEF ( piano economico finanaziario ) si chiede di più anche in tempi di deflazione come l’attuale, non essendo mai inferiore al 1,5 – 2% e ATERSIR ( agenzia regionale di regolazione ) approva e i Comuni docilmente pagano. Ti faccio solo l’esempio del mio Comune, che dato il sistema vigente è replicabile a mio avviso in tutta l’Emilia Romagna se non nelle cifre esatte almeno nel meccanismo di calcolo. In quattro anni, dal 2012 al 2015 il Comune di Santarcangelo di R.pagherà ad HERA quasi 19% in più con un aumento medio annuo di quasi il 5%. Soldi che vengono sottratti a magri bilanci comunali e che potrebbero essere indirizzati altrove. Per non parlare poi della questione rifiuti……ma questa è un’altra storia.

Lascia un commento