giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Atene. Nuovo ultimatum alla Grecia
Pubblicato il 12-06-2015


Grecia-UE-ultimatumOre decisive per la tanto temuta ‘Grexit’, l’uscita della Grecia dalla moneta unica europea. Il primo ministro greco, Alexis Tsipras ha convocato una riunione urgente per discutere – con alcuni ministri – sugli sviluppi dei negoziati in corso con i creditori della Grecia. Atene fa sapere la ferma intenzione di «non accettare tagli a stipendi e pensioni», ma di essere orientata a «un avanzo primario più basso e alla ristrutturazione del debito». Nel frattempo secondo un quotidiano tedesco, la Cancelliera Angela Merkel avrebbe perso le speranze nello scongiurare il fallimento del Paese ellenico.

RIUNIONE URGENTE DI TSIPRAS – L’incontro di ieri a Bruxelles non è andato affatto bene: non solo il Fondo monetario internazionale ha abbandonato il tavolo dei negoziati, ma alla Grecia è arrivato un autentico ultimatum di 24 ore. Secondo alcuni media – che citano fonti europee – l’esecutivo greco entro questa sera dovrà infatti presentare ai suoi creditori altre proposte con lo scopo di siglare un accordo in grado di evitare il default di Atene e a una ‘Grexit’. In altre parole, i creditori hanno chiesto un ennesimo piano di riforme.

SPERANZE SVANITE PER LA MERKEL?  Sul fronte tedesco, la Cancelliera Angela Merkel ha smentito le indiscrezioni secondo cui avrebbe deposto le speranze per risolvere l’annosa e complicata questione. Merkel ha smentito le ipotesi di ‘Grexit’, ribadendo che «dove c’è una volontà, c’è anche una strada», ma aggiungendo che «la volontà deve venire da tutte le parti». Bisogna «continuare a trattare». A smentire i rumors ci ha pensato anche il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, sottolineando che l’atteggiamento della Germania «non è cambiato. Lavoriamo affinché la Grecia resti un membro dell’eurozona».

Siria Garneri 

 

 

 

 

 

 

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento