giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Contro euro e immigrazione nuovo gruppo a Strasburgo
Pubblicato il 16-06-2015


Salvini-Le PenIl collante comune è l’avversione all’integrazione europea, il tutto condito da una buona dose di xenofobia, con una spruzzata di razzismo, nel nome della lotta all’immigrazione. È su queste basi che si è costituito al parlamento europeo il nuovo gruppo degli euroscettici, ‘L’Europa delle nazioni e della libertà’. Ne fanno parte Lega Nord di Matteo Salvini, il Front National, il Pvv olandese, il Fpö austriaco, Vlaams Belang belga e tre eurodeputati indipendenti in rappresentanza di Gran Bretagna e Polonia. Tutti partiti ed esponenti politici dichiaratamente di destra, anti-immigrazione e anti-euro, gli stessi che ha giugno, subito dopo il voto, erano finiti nel gruppo misto dei ‘non-iscritti’ perché non erano riusciti a mettere insieme parlamentari di almeno sette diverse nazionalità così come prevede il regolamento.

“Saremo una forza politica euroscettica senza precedenti”, ha detto Marine Le Pen, leader del Front National, alla presentazione del nuovo gruppo. “In questo primo anno di legislatura abbiamo lavorato come non iscritti con mezzi ridotti contro l’immigrazione di massa, in difesa della sovranità, della sicurezza, dei lavoratori, dell’agricoltura e delle piccole e medie aziende, ma da oggi la situazione è destinata a cambiare”.

La leader del Front National ha poi attaccato la “collusione tra il gruppo socialista e popolare contro la democrazia del funzionamento del Parlamento europeo” e ha sottolineato che il nuovo gruppo ha preferito aspettare il momento giusto per formarsi piuttosto che “fare alleanze detestabili come hanno fatto altri gruppi”. Infine un ringraziamento ironico al presidente del Parlamento europeo Martin Schulz: “Grazie a Schulz e all’amministrazione del Parlamento che ci ha trattato come dei sottodeputati, abbiamo trovato le energie necessarie per costituire questo gruppo che sarà forte, coerente e ambizioso”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento