martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Governo “bocciato” sulla Scuola
Pubblicato il 09-06-2015


Scuola-riformaPer la prima volta, dopo decreti passati a suon di “fiducia”, il Governo viene battuto sulla scuola, in commissione affari costituzionali al Senato sul parere di costituzionalità alla riforma. Con 10 voti contrari e 10 a favore il parere non è passato per il voto determinante di Mario Mauro senatore di Gal che nei giorni scorsi aveva annunciato l’uscita dalla maggioranza, Mauro nel votare contro ha spiegato: “Da un punto di vista costituzionale la riforma della buona scuola è scritta male pertanto fermiamoci e riscriviamola meglio”.

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è consapevole di quanto sia ardua la strada per la riforma della scuola, tanto che ieri in direzione ha detto: “Se vogliamo approvarla lo facciamo domattina, anche a costo di spaccare il Pd”, ma subito dopo cerca di indorare la pillola sostenendo che “se vogliamo prendere altri 15-20 giorni ce li prendiamo ma allora facciamo un’assemblea sulla scuola in ogni circolo Pd”. Renzi punta ancora sulla discussione con studenti e insegnanti: “non siamo riusciti a coinvolgere il mondo della scuola e io mi assumo la responsabilità anche se so quanto molti di voi si sono impegnati al confronto”.

Il problema della riforma della Scuola rischia, non solo di dare scosse di lunga durata a questo Governo, ma di spaccare definitivamente il Partito di Renzi. La riforma impensierisce i dem, tanto che anche stamane il gruppo del Pd al Senato si è incontrato con il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, per trovare una soluzione che permettesse al provvedimento di passare senza incidenti nel percorso parlamentare al Senato.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. La scuola non ha bisogno di “rammendi” è necessario fare “l’abito nuovo” e avere il coraggio di affermare che una scuola come quella attuale non serve e costa troppo e portare l’obbligo scolastico a diciotto anni è solo demagogia. Facciamolo un convegno sulla scuola e si abbia il coraggio di confrontarci con gli insegnanti dicendo chiaramente che sono troppi e con lauree che in molti casi non servono per l’insegnamento, forse allora i politici saranno credibili perché avranno il coraggio di affrontare veramente i problemi.

Lascia un commento