martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’afasia di Herr Gabriel
Pubblicato il 30-06-2015


Va bene che “Deutschland uber alles”, ma osservare l’immagine che mostra il leader della Spd, Herr Sigmar Gabriel nei panni del cavalier servente di Frau Angela Merkel, per un socialista italiano (o mediterraneo) è davvero deprimente.

Nella drammatica vicenda greca che si sta avviando verso un epilogo ad oggi ancora imprevedibile, al netto dei torti e delle ragioni che, tanto per essere chiari, non stanno da una parte sola (i bilanci truccati presentati a suo tempo da Atene sono la principale causa della crisi e la perdurante, teutonica rigidità del ministro delle finanze tedesco Wolfagang Schauble e della Buba di cui la Kanzlerin è stata portavoce e interprete, la concausa), ciò che colpisce è la sostanziale afasia dei socialdemocratici tedeschi di fronte al precipitare della crisi.

A voler essere generosi è del tutto evidente che la Spd non ha recitato altra parte in commedia che quella del comprimario, o se si preferisce della “spalla” dell’ attrice principale. Lontani i tempi dei grandi leader socialdemocratici come  Willy Brandt o Helmuth Schmidt.

Quest’ ultimo, pur in età avanzata, ancora oggi seguita a porre l’accento, evidentemente inascoltato all’interno del suo stesso partito, sulle conseguenze negative che un’invasiva leadership tedesca, costruita a spese di altri paesi della UE, può provocare al progetto europeo.

Emanuele Pecheux

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Non capisco perche’ ci si ostini a truccare le carte in tavola. Dire che i bilanci falsati della grecia sono la principale causa della crisi, non e’ solo falsissimo, ma e’ pure criminale. Si attribuisce a un popolo una colpa che non ha per massacrarlo a colpi di austerity. La vulgata dei greci corrotti, spendaccioni e bugiardi sara’ bene che termini e che termini presto. La verita’ e’ un’altra. La crisi, e questa e’ storia, e’ nata come crisi del debito privato esportato a forza e con manovre di alta finanza nell’alveo del debito pubblico. Il salvataggio delle banche private, operato con denaro pubblico tanto da governi PPE quanto PSE su pressione dei paesi forti, e’ la principale causa della crisi. il resto si chiama calunnia.

Lascia un commento