sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mondoperaio: il ‘partito’,
la tentazione del Sindacato
Pubblicato il 09-06-2015


03 april 2 col saggi e dibat ok

Sono passati più di trent’anni da quando, il Governo Craxi tagliò di 4 punti percentuali la scala mobile, per combattere il galoppante aumento dei prezzi che viaggiava su percentuali a due cifre. A trent’anni esatti da quando si è svolto il referendum abrogativo, che si tenne il 10 giugno 1985 e con il quale più di 18milioni di elettori bocciarono il quesito posto dal Pci e dalla Cgil, Mondoperaio, la rivista culturale fondata da Nenni, dedica un numero speciale sulle prospettive del movimento sindacale.

Oggi si è tenuta la conferenza stampa alla Camera per presentare il nuovo numero speciale, tra i presenti anche il segretario del Psi, Riccardo Nencini. Il direttore della rivista, Luigi Covatta ha detto: “L’idea di riesumare l’anniversario mi è venuta quando ho letto della Coesione sociale di Landini e Rodotà ai quali dico auguri se vogliono intraprendere la strada referendaria può servire riflettere su un referendum di 30 anni fa che vide manifestarsi una ‘coalizione sociale’ diversa da quella immaginata da chi lo aveva promosso”.

Covatta ha precisato che “sbaglia il sindacato” se “coltiva una inconsolabile nostalgia per i riti e le procedure della concertazione degli anni ’90” ma “sbaglia di più se sfoga la sua frustrazione cedendo alla tentazione di farsi soggetto politico autosufficiente: chi cercando di costruire coalizioni nelle piazze e chi cercando di scindere partiti nei palazzi”.

Il direttore avverte comunque che il sindacato “deve effettivamente tornare ad essere soggetto politico ma juxta propria principia, tanto più che nel nuovo contesto del mercato del lavoro non mancano le opportunità per farlo efficacemente, magari a partire proprio dal vulnus subito dall’articolo 18, riappropriandosi di un potere contrattuale sulle tutele individuali finora di fatto
appaltato alla magistratura del lavoro”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento