martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

No, il Pd non è il Psi, caro Orfini …
Pubblicato il 10-06-2015


Una frase di Orfini, o solo del giornalista che titola l’intervista (ma in questo caso il presidente del Pd dovrebbe rettificare altrimenti la condivide), merita una risposta secca. Nell’intervista de Il Messaggero, compare questo titolo: “Ci sono bande nel Pd, ma non è il Psi”. Non so in che modo si pensa sia stato composto il Psi. Certo non da bande, questo è certamente vero. Nemmeno da personaggi che si facevano pagare un tanto per nomade e per emigrato. A tal livello di monnezza il Psi non era mai arrivato. E oggi quel che resta di noi è completamente fuori da tutte queste porcherie e lo possiamo gridare ai quattro venti. Non disponiamo delle proprietà di Di Pietro nè dei proventi di Buzzi. Noi siamo diversi. Da venti e più anni viviamo nei sottoscala pagando affitti e tassandoci di persona. Facciamo politica per passione e non per amore del potere. Ha ragione Matteo Orfini: il Pd non è il Psi. Ci teniamo molto a questa differenza.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Messaggero, squadrismo
    mediatico contro il PSI
    Pubblicato il 10-06-2015 Rassegna Stampa

    Continuiamo ad appoggiare il pd di questi “figuri” o non è il caso di mandarli a quel paese? Che dice Del Bue a questo “altro” che non intende entrare volente o nolente nel pd. Lascia che ci andate voi forse una “sediola” nella portineria del nazareno la rimedierete. Personalmente vado a spasso sul lungomare di Gaeta.

  2. Condividiamo e informo che come Socialisti del X° Municipio di Roma abbiamo fatto un Comunicato Stampa in cui abbiamo contestato le frasi scandalose di Orfini e che il PD, con le sue bande, è molto lontano dal PSI.

  3. Ottimo, direttore. Qui ci vuole una risposta secca a questo commento assurdo. In quel tempo il PSI utilizzava finanziamenti illeciti PER FARE politica; oggi questi signori fanno poliitca per rubare. C’è una bella differenza, politica e morale.

  4. Pienamente d’accordo direttore, ma oltre a scriverlo Lei in quale altra trasmissione viene detto ? Questi signori non hanno mai amato i Socialisti perché hanno sempre saputo che l’alternativa a loro erano i Socialisti. D’altronde non è la prima volta che si comportano così. Ricordiamoci da Fazio cosa ha risposto Renzi su Craxi e Berlinguer. cosa ha affermato ultimamente da Obama cosa hanno detto da sempre i vari ex democristiano sulla adesione del PD al PSE che non volevano morire Socialisti, purtroppo è successo il contrario; gli ex comunisti sono diventati tutti democristiani. Da qui a poco Renzi farà il grande partito della nazione e gli ex stanno a guardare. Quello che continuo a non capire e che ci stanno a fare i Socialisti con questa persona.

  5. Virgolettato o non virgolettato poco importa, le affermazioni usate dal giornalista sono l’espressione del clima di ostilità che una certa classe dirigente altamente politicizzata nutre nei confronti del Partito Socialista Italiano. Si usa la denigrazione dell’uomo socialista per evitare di parlare delle grandi riforme sociali fatte negli anni dei governi di centrosinistra della prima Repubblica. Orfini dovrebbe prendere le distanze da quanto apparso sul quotidiano il messaggero e pretendere egli stesso una rettifica a tutela della onorabilità di un patto che vede il nostro partito alleato di governo del suo. In caso contrario sarebbe opportuno fare una piccola riflessione sul valore di questa alleanza politica e di governo.

  6. Prendiamo atto della precisazione di Orfini. È vero nell’intervista non compariva l’accenno al Psi. Ma possibile che un articolista faccia un titolo così? È davvero ugualmente scandaloso. Per due motivi. Primo per il concetto assurdo che esprime e poi perché deforma un’intervista.

  7. Bravissimo direttore. E se è vero (io ci voglio credere) che nel Psi si fa politica per passione, lasciamo Renzi e torniamo a sinistra, cosa abbiamo da perdere? Con le nostre idee ovviamente. Anche il Papa è più “a sinistra” e da credente e da socialista ne sono contentissimo. Saluti socialisti!

Lascia un commento