lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PSE, Elisa Gambardella
coordinatrice dello YES
Pubblicato il 01-06-2015


Elisa_Gambardella_FGSSi è svolto a Riga, in Lettonia, il Bureau meeting dei giovani socialisti europei, dove Elisa Gambardella, vice-segretaria nazionale della Fgs, è stata eletta Coordinatrice del Network Femminista dello YES (Young European Socialists).
Il segretario nazionale della Fgs Roberto Sajeva in una nota dichiara: “Dirmi orgoglioso è dire poco. Grazie anche all’aiuto del Partito, che non ci ha fatto mancare la sostanza umana, politica ed economica per poter lavorare sui campi internazionali, siamo di nuovo una forza centrale nel socialismo europeo. Sempre più spesso veniamo interpellati per questioni organizzative e adesso eccoci a ricoprire anche un ruolo politico di prima linea. Elisa occuperà una casella strategica- osserva il leader dei giovani socialisti – non un ghetto come il pariopportunitismo italiano ma il network giovanile del grande e storico femminismo europeo, un laboratorio culturale in cui si sono formate e si formano le avanguardie delle battaglie di civiltà.”

“La battaglia femminista è stata la prima grande battaglia per l’eguaglianza, quella che ha veramente rivoluzionato la sensibilità politica ed economica dell’Umanità.” Così la neoeletta Elisa Gambardella, che continua: “Con questo ruolo, frutto di anni di lavoro mio e di chi mi ha preceduto e accompagnato nella rappresentanza internazionale della FGS (il nostro segretario nazionale Roberto Sajeva ed il responsabile esteri Riccardo Galetti), spero di poter coordinare al meglio l’elaborazione e l’azione delle compagne e dei compagni di tutta Europa.”

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento