sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
Quando sarà finalmente
legge l’art.49 della Carta?
Pubblicato il 10-06-2015


La politica in Italia è marcia, ed è per questo che la metà degli Italiani non si presentano ai seggi elettorali per votare. Ogni settimana: decine di arresti, centinaia di politici che entrano nelle liste degli indagati,  per reati, anche,  in concorso con la criminalità organizzata. Il tutto per arricchirsi, Altro che,cercare di dimostrare che la politica è un servizio per la Nazione.
“DOVREBBE ESSERE”. Malgrado tutto questo, in ogni elezione, nascono come funghi, decine di partitini fiancheggiatori dei partiti maggiori (per
deteriorare  ulteriormente il sistema). Mi domando è dico, quand’è che
qualcuno pensa di portare in Parlamento, l’Art.49 della Costituzione, per
fare la Legge di regolamentazione dei partiti, che attraverso i loro statuti
giuridici, debbono dimostrare di fare l’interesse del Paese. E se ciò non
avvenisse vanno messi fuori Legge e al bando. Credo, molti credono ed io tra questi,  non si possa più andare avanti in questo modo. Il problema morale, oggi, è molto più grave che ai tempi di tangentopoli – quando era pressochè inesistente l’aiuto finanziario ai partiti (specie quelli poveri, come il NS/di allora) e dovevano arrangiarsi un momentino per sopravvivere. Ma perchè non si accenna più a queste cose, che ci hanno colpito e continuano a colpire solo noi? Anche se le riforme più importanti del dopoguerra  le abbiamo concretate noi: dal Referendum per la Repubblica, alla nascita dell’Assemblea  Costituente, al voto universale per le Donne,alla Sanità, l’Assistenza, all’Istituto delle Regioni, la riforma delle Scuola e della ricerca (vedi ministro Codignola), alla nascita del Ministero per l’ambiente, alla Legge 300 del 1970-Statuto dei Lavoratori, al Referendum abrogativo,  contro le Leggi non condivise dagli elettori, le libertà Sindacali e Politiche che erano molto, molto accresciute, e molte altre cose altrettanto importanti e necessarie, che, per ragioni di spazio e di tempo non voglio aggiungere.
Luciano Lunghi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento