sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Silvano Rometti:
guardare al futuro
con speranza e fiducia
Pubblicato il 24-06-2015


Care Compagne, cari compagni,
dopo le elezioni regionali, ritengo doveroso ringraziare tutti i dirigenti del partito, gli iscritti, i simpatizzanti, che con il loro sostegno mi hanno consentito di essere eletto al Consiglio Regionale dell’Umbria.

Questo risultato è per me una grande soddisfazione, in quanto rappresenta l’apprezzamento da parte di tutti Voi del mio impegno e del lavoro svolto come assessore regionale e dirigente del Partito Socialista umbro.
Ho avuto negli ultimi 10 anni l’onore di far parte della Giunta Regionale ed ho cercato di costituire un punto di riferimento per i tanti amministratori socialisti presenti nei Comuni umbri e per le persone che quotidianamente hanno avuto bisogno di un supporto nell’ambito delle materie di mia competenza regionale.
Nel corso del tempo ho sempre dimostrato di mettere al centro del mio operato politico, oltre che l’interesse della nostra comunità regionale, la crescita del partito, cercando di superare personalismi ed egoismi sterili e di corto respiro. Ho sempre pensato che un partito forte, almeno in Umbria, potesse essere l’unico mezzo per riuscire a dare le giuste risposte alle legittime aspettative dei nostri iscritti.
Per questo, dopo una campagna elettorale che ha assunto in alcune situazioni toni fin troppo esasperati, ritengo doveroso illustrare a tutti i compagni il mio comportamento e le scelte che ho sostenuto nel percorso che ha portato alla composizione della Giunta Regionale.

Infatti, nonostante la quasi totalità dei componenti gli organi dirigenti del partito sollecitasse il mio impegno diretto anche nella nuova giunta, una serie di considerazioni mi hanno portato ad assumere una posizione politicamente responsabile, che tenesse conto degli equilibri all’interno del partito e di un quadro territoriale che da tempo non veniva considerato.
Su questi presupposti, anche a seguito dell’incontro tra la nostra delegazione e la Presidente Marini, ho sostenuto la necessità di indicare come assessore una persona esterna anche a scapito di una mia possibile conferma. Ritengo di aver condiviso con i membri degli organi regionali del PSI, la scelta più giusta per gli interessi del nostro partito, che può ora contare (tenendo conto della percentuale del 3,5%), su una doppia rappresentanza negli organi istituzionali regionali: io in Consiglio e Giuseppe Chianella in Giunta.

Questa scelta consente inoltre al nostro partito quel riequilibrio territoriale che da tanti anni i compagni della Federazione Provinciale di Terni rivendicavano.
Sono fermamente convinto che questa soluzione renda oggi il nostro partito coeso ed unito e lo rafforzi in vista degli appuntamenti futuri, a partire dalle elezioni amministrative del prossimo anno.

Per conto mio continuerò a svolgere il mio ruolo all’interno dell’organo legislativo regionale, mettendomi a disposizione delle persone, con lo scopo di migliorare e ammodernare l’Umbria e contribuire a formare una nuova classe dirigente socialista che ci consenta di guardare al futuro con speranza e fiducia.

Silvano Rometti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento