sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A. Al San Paolo
l’impresa della Lazio
e la delusione del Napoli
Pubblicato il 01-06-2015


napoli lazioI biancocelesti smaltiscono la delusione del derby, vincendo 4-2 al San Paolo nella sfida decisiva contro gli azzurri di Benitez. Così ai preliminari di Champions League vanno i ragazzi di Pioli, mentre per i campani c’è anche la beffa del quinto posto. Tra addii e annunci sul futuro, pioggia di gol (47) nell’ultimo turno di campionato.

EMOZIONI AL SAN PAOLO – E’ successo davvero di tutto al San Paolo di Napoli. Con tutti i verdetti già decisi, mancava solo il terzo posto. Per la squadra di De Laurentiis era necessaria soltanto una vittoria contro la Lazio. Ma le cose si sono messe male, perché gli ospiti vincevano all’intervallo per 2-0 grazie ai gol di Parolo e Candreva. Ma nella ripresa è arrivata la rimonta azzurra firmata dalla doppietta di Higuain, che poi però ha clamorosamente calciato alto un calcio di rigore. A quel punto è arrivato il gol del nuovo vantaggio della Lazio con l’uomo che non ti aspetti: il nigeriano Onazi, entrato al posto di Cataldi. Nel finale il colpo di testa di Klose per il definitivo 4-2 e la certezza per i ragazzi di Pioli di poter disputare il preliminare di Champions. Tanta delusione per il Napoli, che adesso guarderà al futuro cambiando tantissimo: già sicuri gli addii di Benitez (sostituirà Ancelotti sulla panchina del Real Madrid) e Bigon (vicino l’accordo con il Verona), ma senza la Coppa principale sarà dura tenere anche tutti i big.

FIUMI DI GOL Ci si è divertiti tanto negli altri incontri, forse a causa della mancanza di obiettivi. La Juventus ha pareggiato 2-2 sabato pomeriggio sul campo del Verona (in gol Toni e Juanito Gomez per i veneti, Pereyra e Llorente per i bianconeri). Ko all’Olimpico per una Roma piena di giovani e riserve contro il Palermo (a segno Totti per i giallorossi, Vazquez su rigore e Belotti per i siciliani). Ha chiuso bene davanti ai propri tifosi la Fiorentina, con un 3-0 al Chievo (reti di Ilicic, Bernardeschi e Badelj). Per i viola una vittoria che vale il quarto posto proprio ai danni del Napoli. Vittorie anche per Inter e Milan, che però non cancellano una stagione deludente. I nerazzurri di Mancini hanno superato 4-3 a San Siro l’Empoli (doppietta di Icardi, capocannoniere con 22 reti insieme a Toni, e reti di Palacio e Brozovic per i padroni di casa, due gol di Mchedlidze e Pucciarelli per i toscani), dove Sarri probabilmente saluterà. I cugini rossoneri hanno vinto 3-1 a Bergamo contro l’Atalanta (gol di Baselli per i nerazzurri, rigore di Pazzini e doppietta di Bonaventura per gli ospiti). Si aspetta di sapere il nome del prossimo allenatore del Milan, con Ancelotti che darà una risposta al club mercoledì prossimo. Inzaghi spera ancora di restare, ma le chance sono poche. Vittoria super per il Torino che ha calato il poverissimo 5-0 contro il Cesena (a segno Maxi Lopez con una doppietta e Martinez, Benassi e Moretti). Spettacolo anche al Mapei Stadium di Reggio Emilia dove il Sassuolo ha avuto la meglio 3-1 sul Genoa (Berardi e doppietta di Zaza per i neroverdi, l’ex Pavoletti per i liguri), che aspettano di sapere come andrà il ricorso dopo la mancata concessione della licenza Uefa, indispensabile per giocare l’Europa League. Altrimenti in Europa andranno i cugini della Sampdoria, che nell’ultimo turno a Marassi hanno pareggiato 2-2 contro il Parma (Romagnoli e De Silvestri in rete per i blucerchiati, Palladino e Varela per i ducali). Infine, il Cagliari ha superato 4-3 in casa l’Udinese (reti di Sau, Joao Pedro, M’Poku e autogol di Bruno Fernandes per i rossoblù, Aguirre, Bruno Fernandes e Thereau per i friulani). Grandi applausi per Daniele Conti che, in lacrime, ha salutato i tifosi sardi.

LA CLASSIFICA – Questa la classifica finale della Serie A.

  1. Juventus 87
  2. Roma 70
  3. Lazio 69
  4. Fiorentina 64
  5. Napoli 63
  6. Genoa 59
  7. Sampdoria 56
  8. Inter 55
  9. Torino 54
  10. Milan 52
  11. Palermo 49
  12. Sassuolo 49
  13. Hellas Verona 46
  14. Chievo 43
  15. Empoli 42
  16. Udinese 41
  17. Atalanta 37
  18. Cagliari 34
  19. Cesena 24
  20. Parma 19 (-7)

Juventus Campione d’Italia, Roma in Champions League, Lazio ai preliminari di Champions League, Fiorentina, Napoli e Genoa in Europa League (senza la licenza Uefa ai liguri accederebbe la Sampdoria), Cagliari, Cesena e Parma in serie B.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento